1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

Le docce della Casa rinnovate grazie a Pro Civitate Christiana

2 dicembre 2016

Con il contributo dell'associazione presieduta da don Tonio Dell'Olio il servizio è ora più veloce, sostenibile, "democratico" e felice


L'inaugurazione ufficiale è avvenuta nel pomeriggio di venerdì 2 dicembre, ma già da diverso tempo le persone in difficoltà che si rivolgono alla Casa della carità possono godere di un servizio docce rinnovato. "Grazie all'incontro con Pro Civitate Christiana, che ci ha dato un prezioso contributo economico, siamo riusciti ad apportare alcune migliorie alle docce, potendo dare ora un servizio più veloce, sostenibile e felice", ha introdotto il presidente della Fondazione don Virginio Colmegna.

"Questa inaugurazione ci trasmette il valore del fare rete, dello stare insieme dell'aiutarci reciprocamente, non solo tra realtà geograficamente vicine, ma anche a distanza", ha detto don Tonio Dell'Olio, presidente dell'associazione Pro Civitate Christiana di Assisi, che ha tagliato il nastro delle nuove docce insieme a don Virginio.

 

Le docce della Casa della carità sono attive tre giorni alla settimana (martedì, giovedì e venerdì) per 12 mesi e sono aperte a tutte quelle persone che che vivono in condizioni precarie o in alloggi di fortuna. Ogni anno il servizio, a cui si affianca anche un servizio guardaroba per un cambio completo del vestiario a chi ne faccia richiesta, vede un incremento importante del numero di domande e del numero di nuove persone che ne usufruiscono. Nel 2015 gli accessi alle docce sono stati 4.128 gli accessi, con 620 nuovi utenti, e anche per il 2016 è possibile ipotizzare un ulteriore incremento: dal 1 gennaio al 24 ottobre sono state effettuate 3.765 docce, per una media di 396 docce al mese, con 650 nuovi accessi. 

Se prima dei lavori potevano accedere alle docce circa 35/40 persone al giorno, grazie ai miglioramenti tecnici (per esempio con la temporizzazione del getto, che ognuno può gestire autonomamente) un maggior numero di utenti può usufruire del servizio: sono infatti più di 50 al giorno le persone che ora frequentano stabilmente il servizio. La novità più apprezzata da tutti è, però, la possibilità di godere più a lungo di acqua calda. Grazie a questi interventi, il servizio docce della Casa della carità è anche più "ecosostenibile", perché lo spreco di acqua è ridotto. E sempre in tema di ecosostenibilità, si è scelto di illuminare i locali con delle nuove lampadine a led, per un minor consumo di energia elettrica.

"Le migliore introdotte hanno fatto sì che si accorciassero i tempi di attesa per i nostri utenti, migliorando così il clima tra le persone che aspettano il loro turno", spiega Ciro Di Guida, operatore della Casa responsabile del servizio, che aggiunge: "Si tratta soprattutto uomini stranieri, anche se ultimamente si registra una crescita degli utenti italiani. Poche le donne e i nuclei familiari".

L’utilizzo del servizio è preceduto da un colloquio conoscitivo presso il Centro d’ascolto della Casa, che prevede quindi una presa in carico, la registrazione dei dati della persona, l’eventuale invio ai servizi del territorio. Le persone che si rivolgono al Servizio Docce e Guardaroba possono inoltre accedere agli ambulatori per visite mediche e allo sportello legale. Questo consente alla Casa della carità di intercettare bisogni specifici (problemi di salute, richiesta di lavoro o ospitalità) e darvi risposta.

 
 

Notizie PERSONE

  1. 19/07/19 | Coppa d'Africa: alla Casa la finale tra Senegal e Algeria

    Venerdì 19 luglio la proiezione su maxi schermo della partita tra i Leoni della Teranga e i Guerrieri del deserto

     
  2. 15/07/19 | Il grazie di don Virginio

    Il presidente Casa ringrazia coloro che hanno condiviso le celebrazioni del suo 50° anno di ordinazione sacerdotale

     
  3. 08/07/19 | Il cuscino di Ion

    Il nostro operatore Fiorenzo racconta di un regalo inaspettato, ricevuto da un senza dimora

     
  4. 14/06/19 | Al via la campagna #IoAccolgo: la Casa della carità tra i promotori 

    Con un flash mob è partita l'iniziativa per rispondere alle politiche sempre più restrittive nei confronti dei richiedenti asilo e dei migranti

     
leggi tutte le notizie

 
 

Il presidente della fondazione

Iniziative di spiritualità

La nostra newsletter

 
Torna ad inizio pagina