1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

#zanzaunlibro

13 novembre 2014

Sabato 15, nell'ambito di BookCity Milano, verrà presentata la nuova iniziativa di "Biblioteche in rete a San Vittore": compra un libro per i detenuti milanesi. Ne parla Cecilia Trotto della nostra Biblioteca del Confine

“Grazie per l’ora di libertà che mi regali con il dono del tuo libro. Questa evasione, Grazie a Dio, è permessa”.  Parla a nome dei detenuti di San Vittore che come lui amano leggere, Jorge, soddisfatto della nuova iniziativa a favore delle biblioteche del carcere che viene lanciata nell’ambito della Terza edizione di BookCity. Finalmente qualcosa di concreto si vede e, per fare un esempio, la nuova biblioteca del reparto Giovani Adulti, che ospita detenuti tra i 18 e i 35 anni, tirata a lucido quest’estate, ridipinta, sistemata con nuovi arredi, è diventata ormai un punto di ritrovo fisso. Bella, colorata, accogliente.

Con un unico neo, comune anche alle altre sei biblioteche di reparto:  l’insufficienza dei libri a disposizione rispetto a una domanda che chiede nuovi libri, soprattutto libri scritti nelle lingue conosciute dalla maggioranza dei detenuti di San Vittore che non parlano italiano ma arabo, rumeno, albanese, portoghese... 

E così, ecco la nuova iniziativa, nata in parallelo al progetto Biblioteche in rete a San Vittore, promosso dal Servizio bibliotecario del Comune di Milano, dalla Caritas ambrosiana, dalla Casa della carità e dalla sua Biblioteca del Confine, dalla Fondazione San Fedele, dall’Associazione Mario Cuminetti e dall’Associazione Sesta Opera San Fedele,   che sta riorganizzando l’intero servizio di biblioteche interne al carcere di piazza Filangeri.

Per rimpolpare il patrimonio a disposizione con nuovi romanzi, gialli, testi classici ma anche dizionari, saggi e testi in lingua, Biblioteche in rete a San Vittore, in collaborazione con BookCity, con l’Associazione italiana editori, con le Librerie indipendenti milanesi e con la Libreria Hoepli, ecco l’idea: promuovere l’acquisto di un libro San Vittore da parte di tutti i cittadini cui piace leggere e cui piace l’idea che altri possano leggere.

Un’iniziativa che in nessun altro modo poteva chiamarsi se non così: #zanzaunlibro, con tanto di cancelletto iniziale, pardon di hashtag. Un’idea semplice e facile. Si può acquistare il libro da regalare alle Biblioteche di San Vittore o online sul sito www.hoepli.it oppure recandosi nella libreria più vicina tra quelle che aderiscono all’iniziativa e che si possono trovare consultando il sito www.bibliorete.org/#zanzaunlibro. Sia online che in libreria si trovano tutte le indicazioni sulle lingue, i generi e le tipologie richieste per poter fare l’acquisto giusto e rendere ancora più contento e felice Jorge e i suoi amici.

L’invito è per tutti, grandi e piccoli lettori. L’azione #zanzaunlibro sarà presentata nell’ambito di BookCity sabato 15 novembre alle ore 18,00 presso i Frigoriferi milanesi di via Piranesi 10 da Cecilia Trotto della Biblioteca del confine della Casa della carità, dall’ispettore Gianni Mazzarelli di San Vittore e da Paola Rauzi dell’Associazione Mario Cuminetti.

Oltre a chiedere l’aiuto di tutti gli amanti della lettura per adeguare il patrimonio di testi disponibili nelle Biblioteche del più noto tra i carceri di Milano, l’appello a comprare un libro a nome e per conto di un anonimo detenuto, per i promotori dell’iniziativa è il modo più concreto di sfatare uno dei tanti pregiudizi sul carcere dove vigerebbe solo una cultura “bassa” e dove le biblioteche interne, essendo ad uso dei soli detenuti, sarebbero luoghi poco accoglienti e poco utilizzati. 

L’esperienza di quanto finora realizzato nel progetto Biblioteche in rete a San Vittore dimostra il contrario, spiega Cecilia Trotto della Biblioteca del Confine della Casa della carità.

“Dimostra che una biblioteca curata, sistemata, fornita di buoni libri, non è solo a uso e consumo di chi è detenuto ma può diventare un luogo di attrazione culturale per tutti quelli che entrano e lavorano a San Vittore diventando così un centro di confronto e di libera circolazione delle idee”.

 
 
 

Il presidente della fondazione

Iniziative di spiritualità

La nostra newsletter

 
Torna ad inizio pagina