1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

La visita di Cécile Kyenge alla Casa

20 gennaio 2014

Ringraziando per l'accoglienza, la Ministra per l'Integrazione ha lasciato un messaggio alla fondazione: “Diritti umani e politiche sociali devono essere sempre uniti per andare verso la cultura dell'incontro ed eliminare la cultura dello scarto”

Dopo il convegno con gli studenti delle scuole di Saronno e prima della visita a Palazzo Marino dal sindaco Pisapia, la Ministra per l'Integrazione Cécile Kyenge ha voluto visitare la nostra Casa, incontrando i vertici della fondazione, gli ospiti e gli operatori.
 
Dopo i saluti del presidente don Virginio Colmegna che ha ricordato al ministro la storia della Casa e una spiegazione delle attività della struttura da parte della direttrice Silvia Landra e del direttore operativo Fiorenzo De Molli, Kyenge ha potuto visitare la sede della fondazione che proprio nel 2014 è entrata nel suo decimo anno di attività.

Nei locali della Biblioteca del Confine dedicata al Cardinal Carlo Maria Martini, alla ministra è stato fatto dono della tessera onoraria dell'Associazione Amici Casa della carità da parte della presidente Maria Grazia Guida e le sono stati illustrati i principali interventi della fondazione in materia di migranti, comunità rom e inclusione sociale.

In particolare, le sono stati presentati due progetti sperimentali su cui la Casa sta lavorando in materia di valutazione dei risultati ottenuti nell'ambito dell'accoglienza delle persone fragili da parte del terzo settore e di un corretto accesso alle cure del servizio sanitario da parte della popolazione immigrata.

“Per noi questa visita è un onore, è un riconoscimento del lavoro che facciamo sia in ambito sociale che in ambito culturale: il fatto che la ministra abbia insistito su temi come dignità, diritti e cittadinanza è per noi una conferma dell'importanza delle politiche sociali quando sono politiche di sviluppo e non assistenzialistiche”, ha sottolineato don Virginio Colmegna.

In risposta, prima di lasciare la struttura, Kyenge ha voluto firmare il libro degli ospiti della Casa, lasciando questo messaggio: “Grazie per la vostra accoglienza. Diritti umani e politiche sociali devono essere sempre uniti per andare verso la cultura dell'incontro ed eliminare la cultura dello scarto”.

[sopra, don Virginio Colmegna, a destra, e Cécile Kyenge
foto: Matteo Cogliati]

Notizie MILANO

  1. 13/07/20 | Il guardaroba della Casa riapre il 7 settembre

    Dal 14 luglio non è più possibile consegnare donazioni di indumenti

     
  2. 08/07/20 | Il Terzo Settore non è una stampella del pubblico

    Condividiamo le parole della portavoce del Forum del Terzo Settore Lombardia: “Ci rifiutiamo di essere confinati al ruolo di barelliere per le emergenze"

     
  3. 01/07/20 | Coronavirus, riaperti i servizi diurni della Casa

    Tornati gradualmente a operare lo sportello legale, lo sportello per la residenza anagrafica e il guardaroba. Il centro d’ascolto è temporaneamente trasferito in piazza Costantino. 

     
  4. 26/06/20 | Vivere il presente, immaginando il futuro

    Un'intervista con Iole Romano, responsabile dell'area "Cura della Casa" e della comunità SoStare

     
leggi tutte le notizie

 
 
 

Il presidente della fondazione

Vuoi fare una donazione?

Iniziative di spiritualità

 
Torna ad inizio pagina