1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

Uno studio della nostra fondazione pubblicato su “Ricerca&Pratica” dell'Istituto Mario Negri

4 novembre 2013

La domanda di cura delle persone vulnerabili fatica a incontrarsi con l'offerta. “Occorre una sanità attiva nei confronti di questi soggetti, sensibile e attenta ai bisogni, ma anche pronta ad intercettarli”

Nelle metropoli del mondo i poveri crescono e faticano nel trovare risposte ai loro bisogni primari, tra cui la salute. Milano non fa eccezione e ad evidenziarlo è uno studio della Casa della carità, pubblicato sull'ultimo numero della rivista dell'Istituto Mario Negri Ricerca&Pratica. La ricerca “Domande e risposte di cura” ha analizzato, da un punto di vista quantitativo e qualitativo, il rapporto con il servizio sanitario di 105 persone vulnerabili presentatesi all’ambulatorio della fondazione milanese tra il febbraio e il marzo di quest'anno.

“Il fatto che praticamente la metà dei pazienti (il 48 per cento) sia arrivato all’ambulatorio con l’aiuto degli operatori sociali mostra – sottolineano le autrici dello studio Gaia Jacchetti e Marzia Ravazzini  – la necessità di accompagnamento, sostegno e comprensione di queste persone”.

Il 54 per cento di loro è regolarmente iscritto al Servizio Sanitario Nazionale, ma non “utilizza” il Medico di medicina generale, perché non vuole o perché non è in grado. Inoltre, una quota degli intervistati, il 13 per cento, è composta da migranti regolarmente residenti nel nostro Paese che avrebbero tutti i requisiti necessari per la tessera sanitaria, ma che non assolvono le pratiche burocratiche per ottenerla. Infine, il servizio più utilizzato è il Pronto soccorso: il 61 per cento degli intervistati ci è stato almeno una volta nel corso dell'ultimo anno.

Pazienti psichiatrici, rifugiati e richiedenti asilo, poveri, migranti in difficoltà e homeless faticano a raggiungere autonomamente il servizio pubblico e così la domanda di cura delle persone vulnerabili fatica a incontrarsi con l'offerta. “Occorre quindi una sanità attiva nei confronti di questi soggetti, sensibile e attenta ai bisogni, ma anche pronta ad intercettarli” afferma Maurizio Bonati, responsabile del Dipartimento di Salute Pubblica dell’IRCCS-Mario Negri di Milano, che ha contribuito allo studio.  

La ricerca sottolinea, inoltre, come le richieste sanitarie provenienti dalle persone più vulnerabili evidenzino il loro desiderio di ascolto (38%), la volontà di cambiare la propria condizione (30%), la scelta di subordinare il bisogno di cura ad altri considerati più importanti come la ricerca di una casa e di un lavoro (25%) e una sofferenza spesso non compresa dall’apparato sanitario (24%). Quella che portano queste persone è una domanda di cura ben più ampia di quella legata ai sintomi o alle patologie per le quali finiscono per farsi aiutare. E questo dalla ricerca emerge in maniera chiara.

“Naturalmente non mancano gli aspetti strutturali del problema dell’ineguaglianza e della privazione" afferma don Virginio Colmegna presidente della Casa della carità. "Le marcate disparità sociali e sanitarie hanno esiti immediati e cronicizzano nel tempo incidendo sulle possibilità di condurre una vita soddisfacente”.

“Però - prosegue con forza -  serve consapevolezza: l’iniquità, anche in salute, non è in nessun caso un fenomeno «naturale», bensì il risultato di una combinazione letale di progetti sociali deboli, misure economiche ingiuste e cattiva politica”.

[foto: Jesslee Cuizon via Flickr]

Notizie CULTURA

  1. 20/03/19 | il 20 marzo la presentazione del libro "Una vocazione controcorrente"

    Iniziativa editoriale che ha coinvolto don Colmegna con Enrico Finzi e la suora clarissa cappuccina Chiara Francesca Lacchini. 

     
  2. 14/03/19 | Africa, alle radici dell'immigrazione

    Il 14 marzo, il convegno internazionale del Centro Studi SOUQ ospiterà Adama Dieng, sottosegretario ONU consigliere del Segretario Generale sul genocidio

     
  3. 13/03/19 | Sei anni di pontificato di Papa Francesco

    Il 13 marzo 2013 Jorge Mario Bergoglio venne eletto a successore di Pietro: una riflessione di don Colmegna

     
  4. 25/02/19 | Con uno sguardo umano, secondo appuntamento

    Lunedì 25 febbraio alla Casa della carità, incontro dedicato alle disuguaglianze

     
leggi tutte le notizie

 
 

Il presidente della fondazione

Iniziative di spiritualità

La nostra newsletter

 
Torna ad inizio pagina