1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

Al via la Società di Lettura 2016

5 febbraio 2016

Anche quest'anno la Biblioteca del Confine della Casa propone un percorso dedicato ai ragazzi ospiti, insieme agli studenti del liceo Volta e ai giovani detenuti del carcere di San Vittore

Avvicinare ai libri e al piacere della lettura ragazzi e ragazze provenienti da contesti sociali e culturali differenti. Con questo spirito, sette anni fa alla Biblioteca del Confine della Casa della carità è nata la Società di Lettura, che coinvolge i ragazzi ospiti della nostra Fondazione, gli studenti del liceo scientifico "Alessandro Volta" di Milano e alcuni giovani detenuti del carcere di San Vittore.

Nel corso di una serie di appuntamenti settimanali, i ragazzi leggono un libro, lo analizzano e fanno emergere le loro riflessioni sui temi che quel libro propone. Nelle scorse edizioni, studenti e ospiti della Casa hanno affrontato, tra gli altri, testi di Gianni Mura (“Tanti amori”), Fulvio Ervas (“Se ti abbraccio non avere paura”), Concita De Gregorio (“Malamore”), Paolo Di Stefano (La Catastròfa”). Hanno poi incontrato gli autori e dialogato con loro, come accaduto lo scorso maggio con Lello Gurrado, autore di "Fulmine", il libro protagonista dell'ultima edizione del progetto.

La Società di Lettura è però un'iniziativa in continua evoluzione. E così, anche per il 2016, ci sono delle novità. Prima fra tutte, la partecipazione al progetto dei giovani ospiti della neonata comunità per minori stranieri non accompagnati, gestita dalla Casa della carità a Milano. "È la prima esperienza del genere che facciamo con questi ragazzi - spiega Alessandro Coerezza, operatore della Biblioteca del Confine - e loro ci sono sembrati molto motivati". 

La seconda novità riguarda lo svolgimento. Per quest'anno, non ci si concentrerà su un unico libro e autore, come avvenuto nel corso delle precedenti edizioni, ma si partirà da tanti testi di diverso genere, che saranno lo spunto di riflessione non solo per uno scambio di idee, ma anche per un percorso di lavoro differente dal solito. I ragazzi saranno infatti invitati ad un lavoro di approfondimento dei temi emersi attraverso la scrittura: saranno loro, si potrebbe dire, a diventare autori.

Le attività, racconta sempre Alessandro, sono iniziate da pochissimo con un aperitivo di socializzazione tra i ragazzi, a cui è stato proposto di raccontarsi agli altri. I loro "profili" sono stati riassunti su di un cartellone, che è stato poi portato anche a San Vittore, dove i giovani detenuti hanno fatto la stessa cosa. Conoscere e conoscersi, dunque, tanto che uno dei temi affrontati è quello dell'identità, che sarà per esempio approfondito attraverso la lettura di "Mi chiamo Mario" di Mario Livrieri, detenuto 29enne del carcere di Avezzano (in provincia dell'Aquila). E qui si incontra un altro tema, quello della detenzione, appunto, che diventerà un'ulteriore filtro attraverso il quale leggere la realtà, e che viene affrontato anche in un altro libro proposto ai ragazzi: "Jimmy della collina" di Massimo Carlotto. 

A partire da questi testi e dagli altri che saranno letti dai protagonisti della Società di Lettura, sarà costruito un lavoro finale che sarà condiviso nel corso di un appuntamento pubblico in Casa della carità, in programma per fine aprile.

Notizie CULTURA

  1. 25/09/19 | Con uno sguardo umano, quinto appuntamento

    Mercoledì 25 settembre alla Casa della cultura, incontro dedicato ad ambiente, diritti, etica

     
  2. 23/07/19 | Alla Casa un pranzo d'artista con il Teatro Alkaest

    Da "Il pranzo di Babette", una narrazione sull'accoglienza e la gioia della condivisione

     
  3. 11/07/19 | Perché ci conviene: nuovi strumenti per la promozione del lavoro e dell'inclusione della popolazione straniera in Italia

    L'11 luglio alla Camera, convegno promosso dalla campagna Ero Straniero

     
  4. 11/07/19 | Don Colmegna: basta con lo scontro ideologico sull'immigrazione

    Serve una nuova legge, che promuova legalità e regolarità, sia rispettosa dei diritti umani e serva al Paese per crescere

     
leggi tutte le notizie

 
 

Il presidente della fondazione

Iniziative di spiritualità

La nostra newsletter

 
Torna ad inizio pagina