1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

L’urlo di una città in silenzio

1 luglio 2013

Venerdì 4 luglio, alle 17.45, prima dell'incontro dedicato a "Farsi Prossimo", un momento di silenzio, riflessione e preghiera dopo che altri trenta migranti sono morti nel Mediterraneo. "Per lasciarsi interroare tutti da questo ennesimo dramma e dai tanti altri che ogni giorno i media ci raccontano"

La Casa della carità organizza per venerdì 4 luglio, alle ore 17.45, nel suo auditorium, un momento di silenzio, riflessione e preghiera aperto a tutti. L’incontro si terrà prima dell’evento dedicato alla lettera pastorale “Farsi Prossimo” di Carlo Maria Martini che, come da programma, comincerà alle 18.30 e sarà condotto da padre Giacomo Costa.

“Questa nuova iniziativa precederà quella già da tempo organizzata per rileggere i testi del Cardinal Martini in vista del nostro decennale, ma entrambe sono per la Casa molto importanti. E strettamente collegate" spiega don Virginio Colmegna.

“Quando ho letto la notizia di altre trenta nuove vittime nel Mediterraneo - continua il presidente della Fondazione - ho scritto di getto un appello. Mi è venuto spontaneo rispondere con il silenzio a questo ennesimo dramma e ai tanti altri che ogni giorno i media ci raccontano: dal conflitto in Siria a quello in Iraq, dai cristiani uccisi in Nigeria ai musulmani attaccati in Repubblica Centrafricana, fino al vento di guerra che, tristemente, in queste ultime ore soffia ancora più forte sulla terra di Israele e Palestina”.

“Di fronte a fatti come questi - prosegue il sacerdote - credo che tutti i cittadini debbano lasciarsi interrogare, debbano trovare dei momenti di quiete in cui, a seconda del vissuto personale, riflettere, pregare o digiunare, come stanno facendo in questi primi giorni di Ramadan i nostri fratelli musulmani. L’importante non è la forma, ma la volontà di non ignorare queste tragedie, ma di farle entrare nella nostra quotidianità. Anche perché, con l’arrivo dei profughi dalla Siria nella nostra città, questo sta già accadendo”.

Per chi vorrà, quindi, l’appuntamento è per le ore 17.45 in via Brambilla 10, con l’invito a seguire anche il dialogo sugli scritti di Martini che seguirà il momento di silenzio. Per tutti gli altri la proposta è comunque valida.

E’ un momento che chiediamo di condividere a tutti i cittadini e a tutte le istituzioni” conclude don Colmegna. “Ognuno contribuisca a modo suo, chi adornando il proprio balcone di casa con un segno di lutto ma anche di speranza, un simbolo di pace o di fraternità, chi fermandosi un attimo a pensare, chi invitando i vicini a farlo, chi stringendosi insieme in famiglia. In silenzio. Perché il silenzio di un’intera città che si sente ferita può risuonare più forte di un urlo alle orecchie di chi è sordo alle sofferenze e insensibile alle richieste di aiuto”.

Notizie PERSONE

  1. 15/09/20 | La Casa ricorda con commozione don Roberto Malgesini

    Il sacerdote, ucciso nella mattina del 15 settembre a Como, aveva condiviso l'esperienza della nostra Fondazione

     
  2. 08/09/20 | Garantire la salute e la dignità delle persone

    La notizia dei migranti in quarantena a bordo di due autobus ci ha molto turbato

     
  3. 08/09/20 | Un'estate diversa per ragazzi di Casa Francesco

    La pandemia non ha permesso una vacanza di più giorni, ma non sono mancate le occasioni di divertimento

     
  4. 25/08/20 | E se fossimo noi ad affogare?

    Un giorno di digiuno, venerdì 28 agosto, come segno di protesta contro l’indifferenza per le morti in mare e in solidarietà con i migranti

     
leggi tutte le notizie

 
 

Il presidente della fondazione

Vuoi fare una donazione?

Iniziative di spiritualità

 
Torna ad inizio pagina