1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
La cappella della Casa della carità
 
 

Contenuto della pagina

 

I Domenica dopo Pentecoste - Santissima Trinita - Solennità del Signore

Es 33,18-23 Rom 8,1-9 Gv 15,24-27

1 giugno 2015

La Lettera ai Romani ci dice “che non c’è nessuna condanna in Cristo Gesù”. Gesù ha condannato il peccato nella carne. Sì, noi possiamo, contemplando e invocando Gesù morto e risorto, nel dono dello Spirito, sentirci avvolti da un amore che salva, figli di un Padre che ci ama e ci aspetta. E’ questa la Trinità, un Dio che è relazione, è comunione e noi ora possiamo guardare il volto di Dio in Gesù.

Mosè  desiderava”mostrami la tua gloria” e questa gloria è Gesù, il crocefisso che ci consegna l’amore creatore di Dio che Padre, Figlio e Spirito Santo. Noi oggi viviamo un po’ il suo dispiegarsi e rivelarsi: Gesù nasce, dona la vita, risorge, ci lascia lo Spirito che ci fa dire “Abbà Padre”. Ecco perché, a conclusione dell’anno liturgico, contempliamo la Trinità. E tocca a noi, ci dice il Vangelo, testimoniare, raccontare l’amore di Dio che è dono gratuito. E come possiamo se non pregando, accogliendo e cercando di condividere e avvertire questa presenza, vivendo di carità, carità ospitale che ci chiede di convertirci.

Anche noi, come Mosè, possiamo dire: ”Signore, Signore, Dio misericordioso e pietoso, lento all’ira e ricco di amore e di fedeltà, che conserva il suo amore per mille generazioni. La liturgia oggi ci chiede di farci avvolgere da questo silenzio contemplativo. La fede è davvero un aprirsi fiducioso, un farci trascinare dallo Spirito. E’ Lui che ci fa credere e ci fa dire: “Abba Padre”, da soli potremmo pensare alla fede come conquista nostra, ma ci troveremmo affaticati e incerti. Lasciamoci attrarre, chiediamo di sentirci raggiunti dalla sua misericordia. Ecco perché poveri ed educati dai poveri, perché non possiamo conquistare Dio, ma farci raggiungere da Lui.

“Sono venuto non per i sani ma per i malati, per coloro che hanno bisogno” dice Gesù. Dio attende di riempirci del suo amore e ci dice che a tal punto ci ama che ha mandato il Figlio suo, primogenito della creazione. In Gesù noi contempliamo l’amore del Padre e noi lo incontriamo nella storia dei tanti crocifissi e vittime che affollano la vicenda umana, per cogliere con loro la domanda di una comunione con tutti, una nuova creazione, una riconciliazione piena. “Laudato sii” diceva e cantava Francesco.

Notizie SPIRITUALITÀ

  1. 15/03/20 | Don Virginio: vorrei comunicare con voi

    "Ogni giorno mi ritrovo a pensare, scrivo un diario e ho deciso di condividerlo con voi, in termini di intimità, di amicizia"

     
  2. 28/02/20 | Riflessioni quaresimali

    Il messaggio di don Colmegna per la Quaresima, un "tempo di deserto e di cammino, per riscoprire il senso più profondo del nostro essere discepoli di Gesù"

     
  3. 22/02/20 | Alla Casa della carità due sabati teologici

    Per approfondire il rapporto tra carità ed evangelizzazione da un punto di vista teologico, accompagnati da due docenti della Facoltà teologica dell’Italia Settentrionale

     
  4. 25/01/20 | La preghiera per l'unità dei cristiani, nel segno dell'ospitalità

    Alla Casa un incontro con l'arcivescovo Delpini e ministri delle diverse confessioni cristiane

     
leggi tutte le omelie

 
 

Il presidente della fondazione

Iniziative di spiritualità

La nostra newsletter

 
Torna ad inizio pagina