1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

"Insieme si può": anche i nostri ospiti al Carroponte per il Primo Maggio

30 aprile 2013

A Sesto San Giovanni, un pranzo solidale per un progetto di lotta alla povertà e una giornata di festa, condivisione e dibattiti. Anche la Casa della carità tra gli organizzatori

“La giustizia sociale come obiettivo di equità in un sistema che alimenta le disuguaglianze”. È la sottolineatura dalla quale nasce la proposta del “pranzo solidale per un progetto di lotta alla povertà”, che si terrà il 1° maggio a Sesto San Giovanni (Milano), giornata di festa, condivisione e dibattiti, denominata “Insieme si può”, promossa da un ampio numero di organizzazioni: le Acli, la Fondazione dei padri Somaschi, Legacoop, i sindacati e altre realtà lombarde tra cui la nostra fondazione. 

I promotori affermano: “Anche nella ricca Lombardia aumenta la disoccupazione, diminuiscono i redditi delle famiglie, cresce il numero delle persone in condizione di povertà assoluta, senza un alloggio, un pasto quotidiano, servizi sanitari e di sostegno per sé e per i propri figli”. “Non bisogna essere disoccupati per diventare poveri: anche i nuclei famigliari numerosi e con bambini, le giovani coppie, chi ha un lavoro precario, chi soffre di malattie o disabilità e gli anziani, in maggioranza donne, vive una profonda difficoltà esistenziale che spesso impedisce di far fronte ai bisogni primari: spesa alimentare, casa, bollette, servizi e prestazioni sanitarie”.

Per questo, “oltre alle risposte di tipo sindacale e politico, vogliamo insieme impegnarci a rendere stabile e continuativa, integrandola, l’azione che oggi è lasciata alle singole realtà associative solidali”.

Dunque il 1° maggio al Carroponte di Sesto San Giovanni si svolgerà un pranzo solidale (“Chi può, porta qualcosa da mangiare insieme”), seguito da momenti per i più piccoli, dibattiti su lavoro e diritti, cena di solidarietà. “Chiederemo inoltre alla Regione Lombardia - dichiarano ancora i promotori di Insieme si può - l’attuazione di un intervento straordinario di contrasto alla povertà e all’emarginazione sociale, per contribuire a ricostruire una società con al centro lavoro e giustizia sociale”.

In particolare, gli ospiti della Casa, accompagnati dagli operatori, parteciperanno al pranzo
delle ore 12.30. Sarà un momento di condivisione e festa, in un frangente in cui il problema del lavoro si avverte forte anche tra le mura della nostra Casa.


Il programma della giornata:

ore 12.30: pranzo solidale per un progetto comune di lotta alla povertà
dalle ore 17 alle ore 18: "a noi ci piace lavorare" letture animate per bambini e merenda, a cura di Ida Spalla
ore 18.15: aperitivo al lavoro e proiezione del film "We want sex, di Nigel Cole"
ore 20.00: 1° maggio di solidarietà "Lavoro, diritti, lotta alla povertà": ne parlano enti locali, associazioni ed organizzazioni sindacali (presso il palco del ristorante Il Maglio)
ore 21.00: cena di solidarietà presso il ristorante "Il Maglio", una quota dell’incasso sarà devoluta al Fondo di solidarietà di Sesto San Giovanni.

Per informazioni:
02.262541 oppure 02.55025288.

[sopra, foto da Flickr: longzijun]

Notizie PERSONE

  1. 30/08/19 | Si facciano sbarcare tutti i naufraghi a bordo della Mare Jonio

    Un appello delle associazioni italiane, cui aderisce anche la Casa

     
  2. 02/08/19 | La trap di Lamine racconta la vita dei giovani migranti

    Ex ospite della comunità minori della Casa, ha realizzato un video che ha più di 15.300 visualizzazioni su Youtube

     
  3. 29/07/19 | "I grazie ricevuti ci hanno fatto scoprire che spesso è facile aiutare qualcuno, più di quanto si immagini"

    I ragazzi dell'Azione Cattolica di Padova raccontano la loro esperienza alla Casa

     
  4. 26/07/19 | Daspo urbano, agli interventi di deterrenza si uniscano investimenti, azioni e presenza di carattere sociale

    Don Colmegna: "Più che dare effettive risposte, il provvedimento in discussione in Consiglio comunale a Milano fa vincere la cultura della paura"

     
leggi tutte le notizie

 
 

Il presidente della fondazione

Iniziative di spiritualità

La nostra newsletter

 
Torna ad inizio pagina