1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

Protezione europea, adesso!

20 aprile 2015

Di fronte agli ultimi tragici avvenimenti nel Mar Mediterraneo, come ogni volta che ci arriva la notizia di una vittima della migrazione, il pensiero di tutti gli operatori e volontari della Casa della carità va ai nostri ospiti che quel viaggio l’hanno fatto. Ora è tempo di fare qualcosa di concreto perchè questi drammi non si ripetano. Non è più tempo di promesse o, peggio ancora, di polemiche.

 


Casa della carità fa sue le tre richieste precise – all’Europa, al governo italiano, al Parlamento italiano e alla sua Commisisone d’inchiesta parlamentare su CIE, CARA e centri per migranti (inclusi i CAS) - contenute nell'appello "European Protection Now!" cui la Casa ha aderito. 

Lanciato da Cild e sottoscritto da molte realtà della società civile tra cui Fondazione Centro Astalli, A Buon Diritto e Associazione Carta di Roma, l'appello è una prima risposta all'ennesima strage avvenuta nel Mediterraneo.

Di parole e polemiche ne abbiamo sentite troppe, ormai. Di dichiarazioni e promesse anche. Di morti e dispersi ne abbiamo contati un numero inaccettabile, ogni volta pensando agli ospiti della Casa che quelle acque le hanno solcate e, per loro fortuna, quel viaggio se lo sono lasciato alle spalle. 

Ora, di fronte all'ennesima, enorme, strage bisogna rispondere con dei fatti. Per questo, anche la Casa, insieme a tutti gli altri firmatari dell'appello "European Protection Now!", chiede: 

– agli Stati Membri dell’Unione europea, alla Commissione europea e al Parlamento europeo, di stabilire regolari operazioni europee di ricerca e soccorso in mare delle imbarcazioni in difficoltà (SAR), anche oltre il limite delle 30 miglia marine;

– al Governo italiano di predisporre un piano strutturale e di accoglienza “diffusa” che garantisca, entro luglio 2015, la trasposizione delle Direttive europee 2013/32 e 2013/33 – denominate Direttive “accoglienza” e “procedure” – al fine di superare definitivamente la logica emergenziale. In particolare, il Governo deve facilitare la dismissione dei maxi centri profughi (CARA) e di un sistema di accoglienza straordinaria formale e informale, scarsamente efficiente e incapace di garantire protezione, accoglienza, integrazione e talvolta caratterizzato da collusioni con la criminalità organizzata;

– al Parlamento italiano e alla sua nuova Commissione d’inchiesta parlamentare su CIE, CARA e centri per migranti (inclusi i CAS) di monitorare rigorosamente i sistemi di prima e seconda accoglienza.


Firma anche tu l'appello!

 

Notizie PERSONE

  1. 19/01/19 | Raccolta straordinaria di indumenti invernali

    Sabato 19 gennaio dalle 9 alle 18, i volontari del guardaroba vi aspettano in via Brambilla 

     
  2. 04/01/19 | Don Colmegna: continueremo ad agire secondo il principio "Prima le persone"

    Una riflessione del nostro presidente nel dibattito nato dall'intenzione di alcuni sindaci di sospendere parti del decreto sicurezza

     
  3. 03/01/19 | Aprite i porti per Sea Watch e Sea Eye, sono in gioco le vite di 49 esseri umani

    Inaccettabile lasciare in balia delle onde le persone salvate dalle due ONG, cui non viene concesso un porto sicuro

     
  4. 18/12/18 | Natale: un momento intenso di gioia e condivisione

    Il messaggio di don Colmegna per il 25 dicembre e il calendario delle iniziative fino al 6 gennaio 2019. LEGGI L'OMELIA DELLA NOTTE DI NATALE

     
leggi tutte le notizie

 
 

Il presidente della fondazione

Iniziative di spiritualità

La nostra newsletter

 
Torna ad inizio pagina