1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

Natale: un'esplosione di vita che irrompe dalle tenebre

Il Presepe realizzato come da tradizione dalla Casa è dedicato a tutta l'umanità sofferente

 
 
 

5 dicembre 2019

Anche quest’anno il Presepe della Casa della carità è allestito all’ingresso, in una nicchia sulla strada, per essere visibile a tutti. “È il nostro modo per condividere con i nostri ospiti, gli operatori, i volontari e con la città i tanti messaggi che il Natale ci consegna, perché - come ci ha appena ricordato Papa Francesco nella sua visita a Greccio - il Presepe è come un Vangelo vivo, che trabocca dalle pagine della Sacra Scrittura”, afferma don Virginio Colmegna.

Dal luogo in cui è nata la tradizione del Presepe, il Papa ha invitato ad allestirlo nelle case, nei luoghi di lavoro, nelle scuole, negli ospedali, nelle carceri, nelle piazze, facendone un esercizio di fantasia creativa. 

Fantasia che non è mai mancata alla Casa della carità, che quest’anno ha scelto di dedicare il suo Presepe a tutta l’umanità sofferente, di ogni luogo e di ogni tempo, citando un passo chiave del Vangelo delle Beatitudini: “Beati i perseguitati a causa della giustizia”.

Il colore dominante è l’oro, che emerge dal fondo scuro come un’esplosione di vita che irrompe dalle tenebre, e vuole rappresentare la speranza che accoglie, abbraccia, rigenera. Una speranza salvifica per le molte persone soccorse in mare, che nell’oro delle coperte termiche in cui sono state avvolte hanno ritrovato una vita che sembrava perduta. Per questo, si è scelto di utilizzare anche questo materiale nell’allestimento del Presepe.

La scena della Natività è stata collocata in una sfera, che vuole simboleggiare sia il grembo materno, che la nostra Terra, così deturpata, sofferente, non rispettata, ma pur sempre capace di generare vita.

Il Presepe è stato ideato e realizzato dalle operatrici Iole Romano e Chiara Ronzoni con i volontari Gigi e Gianni.
“Solo contemplando la nascita del Dio, che ha accettato di farsi Bambino in mezzo alla povertà e alla piccolezza umana, come hanno fatto i pastori di Betlemme, sentiremo il nostro cuore riempirsi di gioia, e potremo portarla dove c’è tristezza; sarà colmo di speranza, da condividere con chi l’ha perduta. Immedesimiamoci in Maria, che depose il suo Figlio nella mangiatoia, perché non c’era posto in una casa. Con lei e con San Giuseppe, suo sposo, teniamo lo sguardo rivolto al Bambino Gesù. Il suo sorriso, sbocciato nella notte, disperda l’indifferenza e aprai cuori alla gioia di chi si sente amato dal Padre che è nei cieli”.
Dal messaggio di Papa Francesco sul significato e il valore del Presepe.
Greccio, 1 dicembre 2019.

IL CALENDARIO DELLE INIZIATIVE NATALIZIE ALLA CASA

Martedì 24 dicembre 2018
ore 24:00 - Messa di mezzanotte

Mercoledì 25 dicembre 2018
ore 12:00 - Santa Messa di Natale
ore 13:00 - pranzo di Natale
ore 14:30 - pomeriggio in compagnia, con giochi e musica

Giovedì 26 dicembre 2018
ore 12:00 - Santa Messa di Santo Stefano

Martedì 31 dicembre 2018
ore 18:30 - Te Deum
ore 20:00 - cena di San Silvestro
ore 21:30 - veglia di capodanno con gruppi di animazione giovanile

Mercoledì 1 gennaio 2019
ore 12:00 - Messa della Solennità di Maria Santissima Madre di Dio 
ore 13:00 - pranzo di Capodanno

Lunedì 6 gennaio 2018
ore 12:00 - Messa nella Solennità dell'Epifania del Signore
ore 13:00 - pranzo dell’Epifania

 
 
 

Il presidente della fondazione

Vuoi fare una donazione?

Iniziative di spiritualità

 
Torna ad inizio pagina