1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

Un'estate diversa per ragazzi di Casa Francesco

La pandemia non ha permesso una vacanza di più giorni, ma non sono mancate le occasioni di divertimento

9 settembre 2020

Quella che sta per finire è stata un'estate diversa per tutti noi, anche per gli ospiti della Casa della carità.

Come i minori stranieri non accompagnati di Casa Francesco che quest'anno, diversamente dal solito, non hanno potuto fare una piccola vacanza di più giorni fuori Milano, ma non per questo non si sono divertiti.

"Siamo stati in giro per quanto possibile, facendo delle uscite di un giorno - spiega Gaia Lauri, educatrice della comunità - per esempio siamo stati in piscina, a Gardaland e la scorsa settimana siamo andati in gita sul lago di Lecco".


 
 

Dopo aver preparato il pranzo al sacco, infatti, i ragazzi con le operatrici sono arrivati ad Abbadia Lariana, da dove hanno preso il battello per Lecco. Al ritorno ad Abbadia non è mancato il tempo per un bagno.

"Nonostante il meteo non sia stato bellissimo, la gita è andata bene, i ragazzi si sono divertiti e tra di loro si è creato un bel clima", dice ancora Gaia. 

Queste uscite sono un'occasione importante per i ragazzi di Casa Francesco, soprattutto quest'anno. A inizio estate, infatti, la comunità ha salutato due ospiti "storici": Leo, che è andato a vivere da alcuni parenti, e Mamadou, che è stato accolto in famiglia. "Al loro posto sono arrivati due ragazzi nuovi, che stiamo imparando a conoscere. Momenti come questi sono perciò fondamentali, perché ci permettono di stare insieme in un contesto diverso e di conoscerci meglio", conclude l'operatrice.

 

Notizie PERSONE

  1. 02/10/20 | È tempo di cambiare. Conferenza regionale sulla salute mentale

    Venerdì 2 ottobre alle 9, un incontro promosso dal Garante delle persone private della libertà del Comune di Milano

     
  2. 15/09/20 | La Casa ricorda con commozione don Roberto Malgesini

    Il sacerdote, ucciso nella mattina del 15 settembre a Como, aveva condiviso l'esperienza della nostra Fondazione

     
  3. 08/09/20 | Garantire la salute e la dignità delle persone

    La notizia dei migranti in quarantena a bordo di due autobus ci ha molto turbato

     
  4. 25/08/20 | E se fossimo noi ad affogare?

    Un giorno di digiuno, venerdì 28 agosto, come segno di protesta contro l’indifferenza per le morti in mare e in solidarietà con i migranti

     
leggi tutte le notizie

 
 

Il presidente della fondazione

Vuoi fare una donazione?

Iniziative di spiritualità

 
Torna ad inizio pagina