1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

Non chiamiamoli lavori socialmente utili

13 ottobre 2016

Una riflessione di don Colmegna su lavoro, volontariato, cittadinanza responsabile e accoglienza dei migranti

Le iniziative per promuoverli sono numerose e, di volta in volta, possono coinvolgere persone diverse, dai disoccupati ai richiedenti asilo. Sono i “lavori socialmente utili”, attività sicuramente positive che, però, accanto alle sperimentazioni, richiedono una riflessione approfondita e schietta. A cominciare dai termini che usiamo per definirle. Quando diciamo lavoro pensiamo a un concetto preciso, a uno dei valori fondativi della nostra Repubblica e a un ambito ben regolato. Non è questo il caso. Non chiamiamoli quindi “lavori socialmente utili” quanto piuttosto “attività volontarie di cittadinanza responsabile”. Non è solo una questione lessicale, ma di senso. Che si tratti di pulire il quartiere o di dare una mano a chi ha bisogno, le attività volontarie di cittadinanza responsabile hanno due caratteristiche imprescindibili: hanno come obiettivo il bene comune e vengono svolte a titolo volontario. 

La cultura dalla quale nascono è una cultura di responsabilità o, meglio, di cittadinanza responsabile. È una cultura che si oppone a quella individualista, secondo la quale, invece, a doversi occupare bel bene comune è un’istituzione altra, lontana, distante, con la quale non abbiamo nulla a che fare. L’idea di cittadinanza responsabile, al contrario, crede in un abitare fatto di prossimità, amicizia e condivisione. E, proprio per le sue caratteristiche, è un’idea che va diffusa tra i nuovi cittadini, tra i giovani come tra i migranti. Per questo, sono felice che l’ultima edizione di “Puliamo il mondo”, l’iniziativa di Legambiente tenutasi alcune settimane fa, abbia coinvolto anche centinaia di profughi accolti in città. È il segno positivo di una Milano che finalmente inizia a considerare normale proporre occasioni di impegno per il bene comune anche ai suoi nuovi cittadini. 

Attenzione, però, a non dimenticare che prima delle attività volontarie vengono i diritti di queste persone, innanzitutto quello di presentare domanda di protezione internazionale e di vederla esaminata correttamente in tempi certi. Il rischio da scongiurare è far passare l’idea che, con la loro partecipazione a questa o a quell’attività, i richiedenti asilo si ripaghino in qualche modo l’accoglienza. È un sillogismo pericoloso, che non si regge in piedi perché una vera cultura di cittadinanza responsabile è fatta di accoglienza, non di chiusura.

Le attività volontarie di cittadinanza responsabile, quindi, saranno davvero tali se, e solo se, non andranno a incidere sull’occupazione di altri lavoratori retribuiti, se non diventeranno un viatico per l’ottenimento della protezione internazionale (che, per legge, segue altri criteri) e se non si trasformeranno in una comoda scorciatoia per far fronte ai tagli del welfare. In un contesto di diffusa disoccupazione, è indispensabile tener ferme distinzioni importanti, evitare pericolose confusioni e chiedere a tutti i soggetti di non derogare da una necessaria contrattazione di responsabilità. 


Alle persone fragili, che siano giovani o anziani, italiani o stranieri, disoccupati di lungo corso o richiedenti asilo appena sbarcati, vanno proposti percorsi di cittadinanza. Il lavoro ne è una componente cruciale perché, quando viene trovato tramite un’adeguata formazione professionale, garantisce dignità e autonomia. Anche le attività volontarie per il bene comune sono sicuramente una componente importante. Queste proposte, come tante altre, dai tirocini, agli stage di inserimento, però, devono sempre servire a moltiplicare le possibilità di trovare un lavoro, non a sostituirlo.


Articolo pubblicato su La Repubblica Milano del 13 ottobre 2016

 
 

Il presidente della fondazione

Iniziative di spiritualità

La nostra newsletter

 
Torna ad inizio pagina