1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

“Per un Natale che serve”. La serata di Inventa CPM alla Casa della carità

18 dicembre 2013

“Era la prima volta che organizzavamo un'iniziativa di questo tipo alla Casa ed è stata un successo” spiega Bianca Rizzo dell'ufficio fund raising

È stata una festa, una festa vera e propria. Stiamo parlando della serata che ieri i dipendenti di Inventa CPM, in occasione del Natale, hanno trascorso alla Casa della carità insieme ai nostri volontari, ai nostri operatori e, soprattutto, ai nostri ospiti. 

“Quest’anno – si legge sul sito dell'azienda che si occupa di marketing e comunicazione, sales e retail – abbiamo  deciso di regalare il nostro Natale a chi ha di meno... I fondi tradizionalmente destinati al regalo di Natale per i nostri clienti, saranno così devoluti alla Fondazione Casa della carità attraverso una donazione, un piccolo omaggio da consegnare a ogni ospite e una cena di Natale dove 150 persone potranno gustare un menu speciale”.

“Una cena di Natale – continuava la notizia – che sarà anche la nostra cena di Natale, un evento che potremo vivere in prima persona, servendo l’aperitivo e mangiando insieme a loro”. E così è stato. 

“Era la prima volta che organizzavamo un'iniziativa di questo tipo alla Casa – spiega Bianca Rizzo, dell'ufficio fund raising della fondazione – e devo dire che è stata un successo. Si è sviluppata una mescolanza davvero positiva tra le persone che abitano la Casa e i dipendenti di Inventa che la visitavano per la prima volta. In modo quasi naturale si è creato un clima conviviale e sereno, decisamente allegro”. 

Vanessa Caputo
, educatrice alla Casa fin dall'inaugurazione nel 2004, conferma convinta. “Ci siamo divertiti. Ho visto attenzione e rispetto da parte dei dipendenti di Inventa e molto entusiasmo nei nostri ospiti. Tutti avevano una gran voglia di raccontare: ieri sera credo che due mondi apparentemente distanti abbiano trovato uno spazio e un linguaggio comuni e abbiano instaurato una relazione paritaria”.

Dopo la cena in mensa, la serata è proseguita nell'auditorium della Casa dove, al suono della musica, in molti si sono cimentati in balli e danze. 

“A una certa ora, abbiamo dovuto cacciare le persone” scherza Bianca Rizzo. “Al di là delle battute, credo che serate come questa ci dimostrino che si può fare. Servono una meticolosa preparazione, le giuste attenzioni e una sana curiosità, ma è possibile organizzare incontri come questo in cui tutti escono arricchiti. Speriamo davvero di organizzarne di nuove. Sicuramente con Inventa CPM, ma anche con altre e nuove aziende”.

Notizie MILANO

  1. 26/07/19 | Daspo urbano, agli interventi di deterrenza si uniscano investimenti, azioni e presenza di carattere sociale

    Don Colmegna: "Più che dare effettive risposte, il provvedimento in discussione in Consiglio comunale a Milano fa vincere la cultura della paura"

     
  2. 24/07/19 | Firmato l’accordo tra Comune e l’Associazione ‘Speranza oltre noi’ 

    Alla Cascina San Carlo di Quartiere Adriano, il primo intervento ispirato alla Legge sul “Dopo di noi” 

     
  3. 01/07/19 | Gli orari della Casa durante l'estate 

    Anche d'estate le nostre porte saranno aperte, con qualche variazione d'orario

     
  4. 25/06/19 | Una Casa aperta. Sempre. A tutti

    In un anno, la Fondazione ha aiutato 4.609 persone in difficoltà. Lo rivela il Bilancio di sostenibilità 2018, presentato in un incontro sul futuro del terzo settore con il professor Stefano Zamagni

     
leggi tutte le notizie

 
 
 

Il presidente della fondazione

Iniziative di spiritualità

La nostra newsletter

 
Torna ad inizio pagina