1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

Contro l'indifferenza, la forza della memoria

25 gennaio 2018

Una riflessione del nostro presidente don Virginio Colmegna, sul Giorno della Memoria

Pietro è uno dei nonni di Casa della carità, uno di quegli anziani che si ritrovano a mangiare, a parlare, a passare il tempo insieme. Ha da poco compiuto 93 anni, ma ne aveva solo 18 quando, insieme a suo fratello e ad altri coetanei, è stato rastrellato dal quartiere Adriano, dove viveva e lavorava come garzone in una panetteria, e internato in un campo di lavoro in Germania

Tornando con la memoria a quei giorni, alcuni dettagli sfuggono, ma c’è qualcosa che Pietro ricorda bene: la parola “Ziegelfabrik”, fabbrica di mattoni, il luogo dove è stato costretto a lavorare, insieme a una ventina di ragazzi italiani, quasi tutti milanesi, tredici ore al giorno e con poco, pochissimo, da mangiare. Dopo due anni di lavoro forzato, passati a produrre mattoni o a riparare e pulire vagoni ferroviari, alla vigilia della resa della Germania Pietro riesce a fuggire. Una fuga lunga più di un mese, a piedi, muovendosi solo di notte, al buio, nascondendosi di giorno, rubando qua e là qualcosa per calmare la fame e recuperare le forze.   

Pietro, alla fine, ce l’ha fatta. È riuscito a tornare a casa, a Milano, in via Adriano dove per anni ha gestito la cartoleria avviata dai genitori e tra matite e quaderni, profumi e giocattoli, ha visto passare centinaia di ragazzi che, per fortuna, nei loro diciott’anni non hanno conosciuto gli orrori della guerra e del nazifascismo.

Pietro, come altri dei nostri nonni, è un testimone. I ricordi, le storie di vita che spesso gli anziani che frequentano la Casa ci raccontano, ci spronano a non ripetere gli errori, ci ammoniscono a non sottovalutare nessuna minaccia, a non scherzare con le parole come invece fa chi, a cuor leggero, parla di “razza bianca” ottant’anni dopo le leggi razziali, i campi di concentramento, l’orrore dell’Olocausto. 

Liliana Segre, ebrea milanese sopravvissuta ad Auschwitz e da pochi giorni nominata senatrice a vita, ha detto: “Noi testimoni della Shoah stiamo morendo tutti, ormai siamo rimasti pochissimi, le dita di una mano, e quando saremo morti proprio tutti, il mare si chiuderà completamente sopra di noi nell'indifferenza e nella dimenticanza. Come si sta adesso facendo con quei corpi che annegano per cercare la libertà e nessuno più di tanto se ne occupa”. 

Chi oggi aizza un clima di ostilità contro i diversi, gli emarginati, i migranti, chi divide l’umanità in due, da una parte gli eletti e dall’altra gli esclusi, rischia di creare le condizioni per tornare indietro nella storia. Una storia che, ci ha insegnato appunto Liliana Segre, è stata segnata dall’indifferenza di quanti si voltavano dall’altra parte, facendo finta di non vedere quello che accadeva. 

Noi non vogliamo far finta di niente e nel Giorno della Memoria, come ogni giorno, ci impegniamo a non dimenticare, e a lavorare al fianco di chi oggi rischia di essere vittima di quella stessa indifferenza, continuando a garantire aiuto e cura, ospitalità e accoglienza senza distinzione di nazionalità, provenienza, fede, cultura, e a lavorare affinché i diritti negati siano riconosciuti a tutti.

 
 

Il presidente della fondazione

Iniziative di spiritualità

La nostra newsletter

 
Torna ad inizio pagina