1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

La Casa della carità lancia la campagna: “Cittadini grazie al lavoro”

In occasione della Giornata Internazionale dei Rom e Sinti, vogliamo dire che il lavoro è il vero motore di cambiamento

6 aprile 2018

Da sempre la Casa della carità è impegnata a sostenere l’inclusione sociale e i diritti di cittadinanza di chi vive in condizioni di emarginazione, compresi i rom. In tutti questi anni abbiamo verificato che ciò che rende possibile a ogni persona diventare pienamente cittadino è avere la possibilità di un lavoro stabile. Solo grazie al lavoro le persone possono sostenersi, avere una casa, mandare i figli regolarmente a scuola, immaginare un futuro. 

«A questo pensavamo quando, nel 2005, abbiamo dato vita, Casa della carità e Centro Ambrosiano di Solidarietà, al progetto del “Villaggio Solidale”, che ha dato la possibilità a oltre 80 famiglie rom, sgomberate dai campi o che vivevano in condizioni precarie o di emergenza, di rendersi autonome dopo aver partecipato a percorsi di formazione e inserimento al lavoro. Proprio grazie all’inclusione lavorativa, queste famiglie hanno una loro autonomia e risiedono oggi in appartamento», ricorda don Virginio Colmegna, presidente della Casa della carità e consigliere di direzione del CeAS. 

«Per questo – aggiunge - in occasione della Giornata Internazionale dei Rom e Sinti di domenica 8 aprile, lanciamo una campagna per la promozione della piena cittadinanza dei rom, che ha per titolo “Cittadini grazie al lavoro”, una campagna che vuole raccontare le storie dei tanti che in questi anni hanno riscattato la loro condizione, grazie a un’occupazione». 

Soprattutto le donne sono protagoniste di questo riscatto.  Per esempio Mariana, che viveva nel campo di via capo Rizzuto e che ora è aiuto cuoca per un’azienda di ristorazione. O Dora, analfabeta fino ai 30 anni, che oggi lavora come badante. E ancora Alina, che a ogni viaggio in metropolitana chiedeva l’elemosina, mentre ora lavora regolarmente in un’impresa di pulizie. 


Spiega Donatella De Vito, responsabile del progetto “Villaggio Solidale”: «Per sostenere l’inclusione lavorativa degli adulti disoccupati, abbiamo sviluppato percorsi di orientamento e formazione professionale, in collaborazione con altre realtà del terzo settore e con le istituzioni locali, e sono stati attivati tirocini, borse lavoro e percorsi di apprendistato che, in molti casi, hanno favorito l’ingresso nel mercato del lavoro vero e proprio. Questi percorsi – continua De Vito – sono però sempre più difficili da realizzare, da una parte perché mancano le risorse economiche per sostenere corsi di specializzazione; dall’altra perché, contrariamente a quanto auspicato dalla Strategia Nazionale d’Inclusione dei Rom, Sinti e Caminanti, le occasioni di inserimento lavorativo in circuiti differenti dalle attività tradizionali per queste persone sono ancora poche. È quindi importante la collaborazione tra gli enti del terzo settore che operano con le famiglie rom, le istituzioni e i servizi di orientamento al lavoro, in modo da costruire percorsi di inserimento al lavoro individualizzati e di successo». 

«Pensando alle storie positive di Mariana, Dora e Alina, la richiesta che facciamo anche attraverso la campagna “Cittadini grazie al lavoro” è che si investa di più nelle politiche di inserimento lavorativo dei cittadini rom e sinti che vivono ancora in condizioni di esclusione, così che possano avere strumenti concreti per raggiungere quell’autonomia che li rende cittadini a tutti gli effetti».

 

Notizie PERSONE

  1. 30/08/19 | Si facciano sbarcare tutti i naufraghi a bordo della Mare Jonio

    Un appello delle associazioni italiane, cui aderisce anche la Casa

     
  2. 02/08/19 | La trap di Lamine racconta la vita dei giovani migranti

    Ex ospite della comunità minori della Casa, ha realizzato un video che ha più di 15.300 visualizzazioni su Youtube

     
  3. 29/07/19 | "I grazie ricevuti ci hanno fatto scoprire che spesso è facile aiutare qualcuno, più di quanto si immagini"

    I ragazzi dell'Azione Cattolica di Padova raccontano la loro esperienza alla Casa

     
  4. 26/07/19 | Daspo urbano, agli interventi di deterrenza si uniscano investimenti, azioni e presenza di carattere sociale

    Don Colmegna: "Più che dare effettive risposte, il provvedimento in discussione in Consiglio comunale a Milano fa vincere la cultura della paura"

     
leggi tutte le notizie

 
 

Il presidente della fondazione

Iniziative di spiritualità

La nostra newsletter

 
Torna ad inizio pagina