FlexCMP

Un pomeriggio per "riappropriarsi degli spazi"

8 luglio 2015

Nelle parole dell'operatore della Casa Jean Pierre Orru, il racconto delle Feste di vicinato di Zona 2, dove la Fondazione opera con il progetto "Scegliere insieme la strada di casa"


Guarda la galleria fotografica
con le immagini della Festa del vicinato 2015 


“Il riappropriarsi degli spazi”. È questo secondo Jean Pierre Orru, operatore sociale della Casa della carità, il risultato più bello raggiunto dalle Feste del vicinato che venerdì scorso si sono tenute in Zona 2. E che la Fondazione, insieme ai partner del progetto "Scegliere insieme la strada di casa", ha contribuito ad organizzare.

Due pomeriggi di svago, socialità e divertimento, che dalle 15.30 all’ora di cena, hanno animato i cortili di via Celentano 1 e viale Palmanova 59.

“In entrambi i caseggiati hanno partecipato oltre 100 persone: molti anziani, parecchi bambini e anche diversi abitanti della zona venuti appositamente” spiega Jean Pierre, che per la Fondazione lavora insieme ai colleghi di Comin, C.R.M. e Arché proprio sul progetto "Scegliere insieme la strada di casa".

“Musica, poesie, giochi tradizionali, dimostrazioni di ginnastica dolce, balli, giocoleria, gare di torte fatte in casa e gare canine. Tante attività diverse - continua l’operatore - che hanno tutte contribuito a fare delle feste un momento di socializzazione forte tra gli abitanti. I cortili di queste case popolari di solito sono spazi poco sfruttati e invece, venerdì, sono tornati a vivere”.

Un’esperienza positiva, insomma, quella promossa dal Comune di Milano che ha raggiunto i risultati che si era posta grazie al coinvolgimento dei comitati di inquilini e cittadini attivi nella zona e al gran lavoro dei custodi sociali, di cui proprio la Casa si occupa insieme a CRM.

“Hanno dato - conclude Jean Pierre - una grande risposta e hanno permesso a tutti di trascorrere, nonostante il gran caldo, un pomeriggio insieme. Che poi è la base della solidarietà, è l’idea sulla quale si fonda tutto il nostro progetto: la coesione sociale nasce dalla conoscenza e dal rispetto reciproco”.


[Sopra, alcune partecipanti alla Festa di via Celentano 1.
Per la foto, si ringrazia Margherita Cavallo] 

 

Fondazione Casa della carità "Angelo Abriani" - via Francesco Brambilla 10 - 20128 Milano - C.F. 97316770151 - Credits

Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito