1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
La cappella della Casa della carità
 
 

Contenuto della pagina

 

VII Domenica dopo il martirio di San Giovanni il Precursore

Is 65,8-12; Sal 80; 1Cor 9,7-12; Mt 13,3b-23

12 ottobre 2014

Parto dall’affermazione di Paolo: ”Noi però non abbiamo voluto sentirci di questo diritto, ma tutto sopportiamo per non mettere ostacoli al Vangelo di Cristo”. Questa è la scelta di non frapporre ostacoli e qui vi è la radice della scelta di povertà, di una Chiesa che condivide il pellegrinare umano stando al passo dei più deboli. E’ questa la vicinanza al Vangelo, questo è l’avvertire che dobbiamo diventare terra buona che da’ frutto al seme che è distribuito in modo abbondante dal seminatore. Non è un’adesione al Vangelo fragile che non dà frutto al primo spuntare del sole. Non è una Parola che può essere soffocata da rovi che crescono. Dobbiamo diventare terreno libero e spoglio, che attende la Parola, che si fa fecondare dalla Parola.

Chiesa e quindi ciascuno di noi. E’ una grande invocazione, preghiera al Padre buono che ci dona questa capacità di ascolto: accogliere il Vangelo senza se e ma, con la sua radicalità e semplicità. E’ questa apertura del cuore che poi si fa interrogativo, sapienza, invocazione alla sua misericordia. Ma per questo dobbiamo vivere questa purificazione del cuore, questa povertà di spirito. Il Signore ci chiede spesso, quasi senza avvertirlo, di lasciarsi attrarre dalla Parola, di non essere trascinati dalla tentazione di possederla, di renderla adatta a noi. E’ la parola che ha il dono di trascinarci; ecco perché dobbiamo sentirci legati interiormente a Gesù, vivere e chiedere con insistenza questa fedeltà, che ci chiama ed essere terreno buono. Ecco perché meditavo su quanto ci sta insegnando questa stagione di vita della Chiesa, in un mondo affamato di fraternità, un’umanità lacerata. E’ un mondo dove le vittime ridisegnano un’invocazione di pace, ci invitano a comprendere che l’incontro con Gesù si può avvertire se questa passione di fraternità, di ascolto e di condivisione entra in noi, nel nostro modo di vivere, di essere.

Dobbiamo accogliere e vivere in noi, nel più intimo di noi stessi questa Parola. E’ la conversione del cuore. Noi spesso diventiamo operosi e frettolosi nel dire che si è accolta la Parola. E’ la tentazione di non avere radici e costanza; alla prima difficoltà ci arrendiamo e portiamo in noi quel senso di fallimento che cresce, perché non ci si è liberati interiormente dal sentirsi padroni e possessori della Parola. Ecco perché ci è chiesto il silenzio dell’ascolto, del contemplare la Parola, dell’inginocchiarsi di fronte alla sua presenza. Ci è chiesto di essere umili servitori in cammino, Chiesa pellegrina e povera. Questo nascondimento ci è richiesto e a volte il Signore semina la nostra strada di delusioni, ci interroga e ci chiede di essere costanti. Noi celebreremo questa Eucaristia qui in questa Casa dove troppe volte si dice e, quasi ne siamo costretti, che ospitiamo i più fragili, ma abbiamo una responsabilità interiore che quei volti dimoreranno in noi e la dobbiamo esprimere con l’umiltà operosa e comunque con l’umiltà del silenzio implorante. Ecco perché contemplare, pregare, invocare. Signore, ti chiediamo la grazia di essere terreno buono.

Notizie SPIRITUALITÀ

  1. 10/09/19 | Tutte le date del nuovo Cammino di spiritualità 2019-2020

    L’enciclica Laudato Si’ alla base delle proposte spirituali della Casa della carità: si inizia il 21 settembre

     
  2. 20/05/19 | Strumentalizzazione politica dei simboli religiosi, la nostra preoccupazione e indignazione

    La modalità di propaganda vista in piazza Duomo non ha nulla a che fare con il Vangelo ed è incompatibile con il messaggio di Gesù.

     
  3. 15/05/19 | Le comunità islamiche incontrano la Casa della carità

    Mercoledì 15 maggio, un momento di preghiera e riflessione comune e rottura del digiuno

     
  4. 30/04/19 | "Condivido l'appello di Zamagni: il terzo settore riaffermi la propria attitudine a costruire coesione sociale"

    Una riflessione di don Virginio Colmegna dal suo blog "Non per me solo"

     
leggi tutte le omelie

 
 

Il presidente della fondazione

Iniziative di spiritualità

La nostra newsletter

 
Torna ad inizio pagina