FlexCMP

Venerdì 3 maggio, la Casa ospita la serata che la Società di Lettura dedica al viaggio discutendo intorno al romanzo di Margaret Mazzantini

30 aprile 2013

Venerdì 3 maggio, la Casa ha ospitato un nuovo incontro della Società di Lettura

Continuano gli incontri della Società di lettura. Venerdì 3 maggio alle 21.00, l’auditorium “Teresa Pomodoro” della Casa della carità ospiterà la serata di lettura, ascolto e dibattito ispirata alla testo sul quale i ragazzi della Società hanno lavorato nelle ultime settimane: “Mare al mattino” di Margaret Mazzantini.

Un romanzo, scritto guardando ai fatti della Primavera araba e a quei barconi della speranza che ogni giorno provano ad attraversare il Mediterraneo. Un romanzo di viaggio che guarda ai viaggi di tanti per sceglierne due, differenti nella loro prospettiva storica ma prossimi nel loro percorso, intrecciandoli in un quadro a tinte forti che mostra il legame stretto e vivo tra due sponde del “Mare nostrum”. La Libia e l’Italia, avanguardie di due mondi all’apparenza così distanti che nel destino di questi due Paesi si intrecciano in modo indissolubile.

Tanti tra i giovani ospiti della Casa hanno attraversato quel tratto di mare che fa da sfondo alle vicende del romanzo; allora, il loro contributo alla Società di lettura, insieme a quello dei ragazzi del liceo Volta, lo sguardo di questi giovani lettori sul romanzo della Mazzantini ancora volta arriva a mostrarci il legame vivo tra le due sponde del mare Mediterraneo.

Sarà intorno a questa prossimità di vicende e culture che crescerà il dibattito di venerdì 3 maggio. Si tratta del secondo evento previsto dalla Società di lettura 2013, la rassegna annuale promossa dalla Biblioteca del Confine per favorire un approccio critico alla lettura e uno scambio di esperienze e visioni tra i ragazzi, gli insegnati, gli autori.

Il lavoro della Società proseguirà con la lettura de "La gatta di Varsavia. Favole sul comunismo raccontate da animali domestici, selvatici ed esotici" di Slavenka Drakulic e “La mia guerra all’indifferenza” di Jean Sélim Kanaan.

Accanto a questo programma principale continueranno tutte le iniziative collaterali che vogliono favorire la socializzazione dei ragazzi e l’integrazione del progetto con altri linguaggi artistici differenti da quello letterario. Pizze in compagnia e partite di calcio, laboratori artistici e teatrali come quello che produrrà uno spettacolo ispirato alla “Gatta di Varsavia”.

 
 

Fondazione Casa della carità "Angelo Abriani" - via Francesco Brambilla 10 - 20128 Milano - C.F. 97316770151 - Credits

Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito