FlexCMP

Martedì 23 aprile l'Orchestra dei Popoli in concerto con Battiato

16 aprile 2013

Al Conservatorio di Milano, una serata per presentare un'iniziativa nata dalla consolidata collaborazione tra l'istituto milanese e la Casa della carità. Insieme alla Fondazione Casa dello Spirito e delle Arti e all'associazione IBVA

Nasce l’”Orchestra dei Popoli Vittorio Baldoni”, un organico di 60 elementi, composto dai bambini e dai ragazzi delle diverse nazionalità (Romania, Iran, Filippine, Cina, Africa, Brasile, Armenia, Perù, Venezuela, Italia) e dagli studenti del Conservatorio “G. Verdi”: un’orchestra, nata dalla collaborazione tra l'istituto milanese e la nostra fondazione, che vuole rappresentare le istanze della nostra contemporaneità.

Il 23 aprile, nella Sala Verdi del Conservatorio di Milano, l’Orchestra debutterà in un grande concerto che mette insieme musicisti e talenti di diverse parti del mondo.

Durante la serata si alterneranno sul palco altri grandi nomi della musica contemporanea come Franco Cerri, Roberto Cacciapaglia, Alessandro Cerino insieme all’arte e all’esperienza del Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano.

La serata vedrà inoltre la presenza di un grandissimo artista italiano, Franco Battiato accompagnato dal Maestro Carlo Guaitoli che dirigerà l’Orchestra dei Popoli per tre brani.

Una “rassegna” musicale dallo spirito cosmopolita, incentrata sulla ricchezza delle culture e sulla bellezza dei suoni del mondo. La musica sarà il filo conduttore che porterà il pubblico dentro le storie e gli universi di grandi tradizioni artistiche, che vanno dalla musica dei rom e dei Nuovi Trovadori alle percussioni dell’Africa e del Brasile, passando per la magia fiabesca dell’Iran.

Nel 2010, grazie a un protocollo tra Conservatorio e Casa della Carità firmato dai rispettivi presidenti, Arnoldo Mosca Mondadori e don Virginio Colmegna, sono stati istituiti in Conservatorio due corsi di violino e fisarmonica dedicati ai bambini e ai ragazzi rom.

L’idea era di proporre un nuovo modello di inclusione sociale attraverso la musica, che superasse divisioni politiche e pregiudizi. L’esperimento ha avuto successo portando alla nascita di un primo organico orchestrale di 24 bambini e ragazzi rom, che si è esibito nella Sala Verdi del Conservatorio il 27 novembre 2011.

Dopo questa prima esperienza, le due istituzioni, in collaborazione con la Fondazione “Casa dello Spirito e delle Arti” e con l’associazione IBVA che nel frattempo ha stretto una proficua intesa con la Casa della Carità.
 
Ogni allievo è seguito per la parte didattica da insegnanti del Conservatorio, per la parte sociale dagli operatori della Casa della Carità.

I violini, che questi bambini e ragazzi suonano in Orchestra, sono violini di liuteria realizzati dai detenuti del Carcere di massima sicurezza di Opera, sotto la guida di alcuni maestri della Scuola Internazionale di Liuteria di Cremona. Due mondi che, grazie alla musica, superano il disagio e innescano quel circolo virtuoso che è il fine ultimo del progetto “Orchestra dei Popoli”.

L’ingresso è libero con offerta, fino ad esaurimento posti.

L'iniziativa verrà presentata nel corso di una conferenza stampa giovedì 18 aprile alle ore 12 nel foyer di Sala Verdi del Conservatorio di Milano.

 
 

Fondazione Casa della carità "Angelo Abriani" - via Francesco Brambilla 10 - 20128 Milano - C.F. 97316770151 - Credits

Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito