1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

In Italia 310 mila stranieri disoccupati

11 ottobre 2012

Una fotografia scoraggiante dalla crisi che si ripercuote sulle persone da noi accolte

E’ una scoraggiante fotografia dai tempi di crisi della nostra economia quella che emerge dall'ultimo Rapporto annuale sull'economia dell’immigrazione stilato dalla Fondazione Leone Moressa di Venezia.

Secondo i dati pubblicati sul sito della stessa fondazione, a fronte di 2,2 milioni di lavoratori stranieri, il 9,8% della popolazione attiva complessiva, 310 mila stranieri sono disoccupati, il 12,1% di tutta la popolazione straniera. Considerando il periodo della crisi (2008-2011), questo tasso ha conosciuto un incremento quasi del 50%. Dall’inizio della crisi ad oggi, i nuovi disoccupati stranieri sono 148 mila e rappresentano un terzo della nuova disoccupazione in Italia.

Ma anche gli immigrati con un posto di lavoro, pagano pesantemente la loro condizione. L'agenzia Redattore sociale, riprendendo i dati dello stesso Rapporto, sottolinea come in media  un lavoratore straniero percepisca un terzo in meno di un lavoratore italiano, per l’esattezza 316 euro in meno rispetto a un salario medio di 973 euro.

La dimensione lavorativa é decisiva nei progetti di autonomia che Casa della carità propone e avvia insieme ai propri ospiti, "ma l'avviamento al lavoro é diventato sempre più complicato in questi anni," spiega Marino Zecchinato, un assistente sociale, che presso la Casa, si occupa della questione. "Il mercato del lavoro sta respingendo un numero sempre maggiore di immigrati. Per noi diventa sempre più difficile motivare alla ricerca queste persone. Che siano lavoratori formati o meno, che abbiano acquisito esperienza o che non ne abbiano affatto, conta poco, tutti sbattono contro un muro di gomma: un mercato impermeabile che li rifiuta. Sono tagliati fuori e progressivamente perdono gli stimoli. Nel lungo periodo, il rischio più grave é che la loro condizione si cronicizzi, che finiscano col rifiutare qualsiasi nostro consiglio e indirizzo alla formazione."

"D'altro canto" spiega Bianca Rizzo, responsabile dell'area lavoro presso la Casa, "con la crisi abbiamo assistito anche a una grave contrazione delle risorse che le istituzioni destinano al sostegno al lavoro. Due anni fa, gli ospiti della Casa che godevano di Borse lavoro erano 92, oggi sono solo 53. Poco più della metà".


[sopra "Immigrati al lavoro" - foto da frontierenews.it]

 

Notizie LAVORO

  1. 23/03/18 | Casa della carità a Fa’ la cosa giusta: l’impegno per le donne sole e vittime di violenza

    Uno stand con gli arazzi fatti dalle ospiti della Casa, la presentazione della comunità “La Tillanzia” e del centro antiviolenza “Mai da Sole”

     
  2. 20/03/18 | 21 marzo: Memoria e impegno per le vittime innocenti di mafie

    Don Colmegna: «Illegalità e criminalità organizzata negano la giustizia sociale»

     
  3. 28/02/18 | Sottoscritto Protocollo di intesa tra Fondazione e Associazione volontari

     
  4. 27/02/18 | Legge 124/2017: i contributi di enti e società pubbliche

     
leggi tutte le notizie

 
 

Il presidente della fondazione

Iniziative di spiritualità

La nostra newsletter

 
Torna ad inizio pagina