1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

Ancora una tragedia dell'immigrazione al largo di Lampedusa

7 settembre 2012

Decine di dispersi e molte persone tratte in salvo dopo un viaggio drammatico che tanti nostri ospiti hanno affrontato e ricordano con sofferenza

Un morto e un numero imprecisato di dispersi, forse tra i quaranta e gli ottanta; è questo il bilancio dell'ultima tragedia dell'immigrazione, l'ennesimo naufragio di un barcone della speranza al largo di Lampedusa. L'allarme è scattato giovedì pomeriggio, come racconta il sito del Corriere della Sera, i soccorsi sono partiti immediatamente e durante la notte sono state tratte in salvo 56persone, trasferite poi questa mattina al centro di accoglienza dell'isola perricevere le prime cure.
 
Le notizie a proposito del viaggio sono ancora frammentarie e confuse; così, mentre la procura di Agrigento ha aperto un’inchiesta, si ascoltano i superstiti per capire con più precisione quanti fossero i migranti a bordo della barca in modo da poter proseguire le operazioni di ricerca soccorso.

Tra gli ospiti della casa, tanti hanno affrontato la stessa traversata ma, come ci spiega Giorgio Quaranta, un responsabile dell’accoglienza maschile presso la Casa, “è difficile avere da loro un racconto del viaggio perché conservano un grande pudore riguardo al dramma che questo ha significato: sperduti nel mediterraneo per giorni interi, senz’acqua né cibo, con accanto i corpi dei compagni che non ce l’hanno fatta, senza alcuna cognizione del tempo che passa o dello spostamento”.

Una condizione di incertezza estrema”; spiega sempre Giorgio, “c’è una sola cosa che tutti mi dicono: sono partito ma non sapevo quando e se mai sarei arrivato”.

 

Notizie PERSONE

  1. 27/07/20 | I Sommersi e i Salvati

    La Casa e la campagna Ero Straniero aderiscono all'iniziativa per chiedere di interrompere i finanziamenti alla guardia costiera libica

     
  2. 16/07/20 | L'immagine di quel corpo abbandonato in mare scuote le nostre coscienze

    Serve un decisivo cambio di rotta in tema di politiche migratorie, affinché si fermino le morti nel Mediterraneo

     
  3. 13/07/20 | Il guardaroba della Casa riapre il 7 settembre

    Dal 14 luglio non è più possibile consegnare donazioni di indumenti

     
  4. 01/07/20 | Coronavirus, riaperti i servizi diurni della Casa

    Tornati gradualmente a operare lo sportello legale, lo sportello per la residenza anagrafica e il guardaroba. Il centro d’ascolto è temporaneamente trasferito in piazza Costantino. 

     
leggi tutte le notizie

 
 

Il presidente della fondazione

Vuoi fare una donazione?

Iniziative di spiritualità

 
Torna ad inizio pagina