FlexCMP

In viaggio di conoscenza a Sofia, per "EU Inclusive"

27 marzo 2012

Dal 21 al 23 marzo una delegazione di operatori della Casa della carità è stata in Bulgaria per il secondo viaggio di scambio del progetto

È cominciato da Filipovtsi il viaggio della delegazione della Casa della carità a Sofia, nell'ambito del progetto europeo "EU Inclusive" per l'inclusione sociale e lavorativa delle persone rom.

Situato ai margini della città, stretto tra la tangenziale e opprimenti palazzoni di epoca sovietica, Filipovtsi è uno dei quartieri della capitale bulgara dove la popolazione rom vive sostanzialmente esclusa dal resto della cittadinanza. Costruito nel 1957 per circa 400 persone, oggi ne ospita oltre 5mila, gran parte delle quali vive in abitazioni irregolari prive dei servizi di base, come acqua corrente e luce elettrica.

Gli operatori della Casa lo hanno visitato guidati dai colleghi dell'Open Society Institute di Sofia, nostro partner all'interno di "EU Inclusive" insieme a Fondazione Soros Romania e Fundación Secretariado Gitano.

Le delegazioni di tutte le quattro organizzazioni hanno poi continuato la tre giorni di scambio, dal 21 al 23 marzo, con una serie di incontri. I primi hanno affrontato situazione dei rom nel paese che, secondo le stime ufficiali sarebbero 440mila, ma secondo altri studi potrebbero arrivare fino a 900mila. Si è poi discusso della discriminazione che i rom bulgari vivono quotidianamente, soprattutto ad opera del personale medico e dei lavoratori sociali, e del ruolo di informazione e mass media.

Quindi, sono state presentate una serie di buona pratiche di integrazione, sostenute  e coordinate dall'Open Society Institute. Dalla creazione di una cooperativa di apicoltori rom nelle campagne bulgare a una serie di borse di studio in medicina per i giovani più meritevoli. Dall'inserimento lavorativo in grandi aziende del settore privato all'assistenza medica nelle scuole fino alla formazione in ambito civico e politico per dare maggior peso alla comunità rom anche nel processo decisionale del paese.

Dopo Madrid a febbraio, quella di Sofia è stata la seconda visita di scambio prevista dal progetto “EU Inclusive”, mentre ad aprile e maggio sono in programma nuovi viaggi in Romania e Italia.

 

Fondazione Casa della carità "Angelo Abriani" - via Francesco Brambilla 10 - 20128 Milano - C.F. 97316770151 - Credits

Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito