1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

Abbiamo bisogno di un nuovo pulmino

23 dicembre 2011

Un aiuto concreto per la Casa della carità

In sette anni li abbiamo usati tanto. Avanti e indietro, chilometri e chilometri. In giro per Milano da e verso la Casa della carità per portare i bambini a scuola, per  trasportare gli anziani del quartiere, per trasferire le famiglie sfrattate verso una nuova sistemazione, per aiutare gli ospiti della Casa. O in viaggio, in giro per l'Italia, insieme ai suonatori della Banda del Villaggio e dei giovani violinisti rom.

Dopo sette anni i pulmini della Casa sono arrivati al limite. Li abbiamo sistemati e risistemati, aggiustati e riaggiustati, ma i troppi chilometri si fanno sentire e rischiamo di restare a piedi, soprattutto di far restare a piedi gli anziani, i bambini, le famiglie e di non poter più fare quelle consegne quotidiane che sono indispensabili al funzionamento di una struttura viva e vivace come la nostra Casa.

Insomma, ci serve un nuovo pulmino. Non importa il colore, la marca, gli optional. L'importante è che possa trasportare nove persone e che sia spazioso il giusto per contenere tutto quello che è possibile trasportare. Per questo facciamo appello a chiunque, privato o azienda che sia,  possa regalarci quattro ruote e altri sette anni di viaggi - avanti e indietro - nel mondo delle emergenze urbane. Siamo in emergenza, con le quattro frecce accese, dateci una mano per fare tanta altra strada.

 

Notizie PERSONE

  1. 15/09/20 | La Casa ricorda con commozione don Roberto Malgesini

    Il sacerdote, ucciso nella mattina del 15 settembre a Como, aveva condiviso l'esperienza della nostra Fondazione

     
  2. 08/09/20 | Garantire la salute e la dignità delle persone

    La notizia dei migranti in quarantena a bordo di due autobus ci ha molto turbato

     
  3. 08/09/20 | Un'estate diversa per ragazzi di Casa Francesco

    La pandemia non ha permesso una vacanza di più giorni, ma non sono mancate le occasioni di divertimento

     
  4. 25/08/20 | E se fossimo noi ad affogare?

    Un giorno di digiuno, venerdì 28 agosto, come segno di protesta contro l’indifferenza per le morti in mare e in solidarietà con i migranti

     
leggi tutte le notizie

 
 

Il presidente della fondazione

Vuoi fare una donazione?

Iniziative di spiritualità

 
Torna ad inizio pagina