FlexCMP

Alla Casa della carità due sabati teologici

Per approfondire il rapporto tra carità ed evangelizzazione da un punto di vista teologico, accompagnati da due docenti della Facoltà teologica dell’Italia Settentrionale

28 gennaio 2020

Evangelizzare è rendere presente nel mondo il Regno di Dio. Ma «nessuna definizione parziale e frammentaria può dare ragione della realtà ricca, complessa e dinamica, quale è quella dell’evangelizzazione, senza correre il rischio di impoverirla e perfino di mutilarla».
[Evangelii Gaudium 176]

Casa della carità vuole lasciarsi interrogare dall’invito di papa Francesco ad essere "Chiesa ospedale da campo", che si prende cura dell’umanità ferita e, insieme, a non perdere la tensione a testimoniare la radice spirituale evangelica di tale cura, che sta nell’amore stesso di Dio per noi.

In questi due incontri, che si svolgeranno dalle 10 alle 12 alla Biblioteca del Confine della Casa, si cercherà di approfondire il rapporto tra carità ed evangelizzazione da un punto di vista teologico, accompagnati da due docenti della Facoltà teologica dell’Italia Settentrionale.

Sabato 1 febbraio
Il primato dell’evangelizzazione.
Prof. Paolo Carrara, Docente di Teologia Pastorale

Sabato 22 febbraio
Evangelizzazione e carità nell’esperienza spirituale.
Prof. Ezio Bolis, Docente di Teologia Spirituale.

Per maggiori informazioni: cristina.vigano@casadellacarita.org

Il kerygma possiede un contenuto ineludibilmente sociale: nel cuore stesso del Vangelo vi sono la vita comunitaria e l’impegno con gli altri. Il contenuto del primo annuncio ha un’immediata ripercussione morale il cui centro è la carità.
[Evangelii Gaudium, 177]

 

Fondazione Casa della carità "Angelo Abriani" - via Francesco Brambilla 10 - 20128 Milano - C.F. 97316770151 - Credits

Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito