FlexCMP

Solidarietà a don Massimo Biancalani

La Casa della carità vicina al parroco di Vicofaro Pistoia cui un'ordinanza ha vietato di continuare a ospitare persone in difficoltà

La Casa della carità è vicina a don Massimo Biancalani cui esprime tutta la propria solidarietà. All’indomani del provvedimento del Comune di Pistoia, che aveva notificato al parroco di Vicofaro un’ordinanza per la cessazione dell’attività di accoglienza nei locali della canonica, don Virginio Colmegna ha voluto manifestare in una telefonata a don Biancalani, che ha comunque deciso di continuare ad accogliere i profughi e i senza dimora che ospitava spostandoli nella chiesa parrocchiale, il sostegno di tutta la Fondazione.

«Ho detto a don Massimo - spiega don Virginio - che siamo con lui. Il clima di ostilità verso chi soffre, che ormai respiriamo da tempo, è davvero un brutto segnale e non penalizza solo chi è in difficoltà, ma tutta una comunità perché la incattivisce e la rende meno coesa. Stiamo con don Biancalani perché accogliere le persone viene prima di tutto e, anche qualora ci fossero davvero problemi di inagibilità di locali, essi non si risolvono con odiose ordinanze di sgombero, ma con dialogo, condivisione, presa in carico comune dei problemi sempre nel rispetto della dignità delle persone».

 
 

Fondazione Casa della carità "Angelo Abriani" - via Francesco Brambilla 10 - 20128 Milano - C.F. 97316770151 - Credits

Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito