FlexCMP

Cisgiordania: Solidarietà al villaggio di Khan al-Ahmar

Israele ha dato il via libera alla demolizione del villaggio beduino palestinese colpendo anche la Scuola di gomme, gestita dall'ong italiana Vento di Terra

La Corte suprema israeliana ha reso nota la decisione di demolire il villaggio beduino palestinese di Khan al-Ahmar, in Cisgiordania.
Si tratta di una comunità di 180 persone, che abita lì da 70 anni, da quando cioè fu costretta a lasciare i luoghi dove viveva nel Negev a seguito della nascita dello stato d’Israele. 

Nel villaggio di Khan al-Ahmar questa comunità di beduini non ha mai avuto il permesso di costruire case in muratura e ora deve andarsene perché accusata di occupare abusivamente quel luogo.

Nel 2010 una delegazione della Casa della carità visitò questo insediamento ed entrò in contatto con la ong italiana Vento di terra, che lì ha fondato una scuola per i bambini della comunità. Una scuola “costruita” con i pneumatici delle vetture - l’unico modo per realizzarla visti i divieti di edificare in cemento - e per questo detta “Scuola di gomme”.

il rapporto della Casa della carità con la ong Vento di terra si è poi consolidato nel tempo fino alla progettazione di iniziative in comune, come la gelateria sociale “Ero straniero”, occasione di promozione sociale per persone in difficoltà.

In questi mesi, prima della decisione della Corte suprema israeliana, molti sono stati gli appelli e le campagne di pressione, anche a opera dei governi europei, per evitare la demolizione del villaggio.

Oggi, come Casa della carità, vogliamo esprimere la nostra contrarietà al provvedimento e tutta la nostra solidarietà e il nostro sostegno alla comunità di Khan al-Ahmar e alla ong Vento di terra confidando ancora in una diversa risoluzione della vicenda.

Il sito di 

 
 

Fondazione Casa della carità "Angelo Abriani" - via Francesco Brambilla 10 - 20128 Milano - C.F. 97316770151 - Credits

Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito