1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

Richiedenti asilo e rifugiati vulnerabili

La Casa della carità attua un progetto di accoglienza specifico per richiedenti asilo e rifugiati vulnerabili. Si tratta di soggetti con malattie organiche, disabilità fisiche o patologie psichiatriche molto complesse. Il progetto è realizzato in convenzione con il Comune di Milano.

Il lavoro con queste persone mira a realizzare interventi sanitari e di cura e al riconoscimento dei diritti di cittadinanza attraverso la regolarizzazione dei documenti e, dove possibile, agendo anche sul piano formativo e di inserimento lavorativo.

Per attuare il progetto la Casa della carità lavora in rete con altri soggetti pubblici e del privato sociale: Centro di consultazione etnopsichiatrica dell’ospedale Niguarda Ca’ Granda, la Questura di Milano e il Laboratorio di antropologia e odontologia forense dell’Università degli studi di Milano.

Il progetto è realizzato da una Associazione temporanea di impresa (ATI) con Cooperativa comunità progetto onslus e Cooperativa farsi prossimo onlus.

Notizie PERSONE

  1. 14/06/19 | Al via la campagna #IoAccolgo: la Casa della carità tra i promotori 

    Con un flash mob è partita l'iniziativa per rispondere alle politiche sempre più restrittive nei confronti dei richiedenti asilo e dei migranti

     
  2. 13/06/19 | Il futuro del terzo settore tra apertura e trasparenza

    Giovedì 13 giugno, all'Acquario Civico di Milano, un momento di riflessione per la presentazione del Bilancio di sostenibilità 2018 della Fondazione. Intervengono Stefano Zamagni, Cristina Tajani e Marco Bentivogli

     
  3. 31/05/19 | "Work in Progress" si presenta alla città!

    Venerdì 31 maggio, open day presso il centro sportivo di PlayMore!

     
  4. 28/05/19 | Grazie EasyBox!

    Alcuni dipendenti hanno partecipato alla Stramilano in favore del nostro ambulatorio

     
leggi tutte le notizie

 
 

Il presidente della fondazione

Iniziative di spiritualità

La nostra newsletter

 
Torna ad inizio pagina