1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

Primo festival del Teatro degli incontri

8-11 giugno 2011

Quattro giorni di spettacoli, laboratori, incontri meticci e momenti di convivialità

Ricerca artistica e, allo stesso tempo, intervento sociale. Con il valore del meticciato a fare da filo conduttore. È questo il senso del I° festival del Teatro degli incontri, rassegna proposta dal gruppo artistico del progetto "Teatro degli incontri" guidato da Gigi Gherzi. La rassegna si è tenuta da mercoledì 8 a sabato 11 giugno ed è stata realizzata dalla fondazione Casa della carità, dalla cooperativa Tempo per l'infanzia e dalle associazioni Identità Plurali e Villa Pallavicini, grazie al sostegno di Coop Lombardia.

Fulcro della kermesse sono stati i quattro spettacoli "Qualche parola la so", "Forse noi siamo qui", "Negato lo spazio", "Non ti amo più peluche". Si tratta di rappresentazioni realizzate dagli attori del gruppo artistico del progetto attraverso l'incontro con gli ospiti della Casa della carità, gli adolescenti dell'associazione Tempo per l'infanzia, i cittadini stranieri e italiani del "Comitato stranieri Avanti Insieme" e gli allievi e volontari della scuola di italiano per stranieri di Villa Pallavicini. Ai laboratori hanno preso parte anche operatori sociali delle varie realtà coinvolte e persone residenti in Zona 2. Le rappresentazioni sono scaturite da cinque mesi di lavoro comune, nei quali il confronto meticcio tra tutti i partecipanti è stato lo sfondo sia della ricerca teatrale volta a trovare nuovi spazi e modalità d'espressione sia dell'intervento sociale portato in condizioni ritenute difficili. Tutti i lavori si sono soffermati, in particolare, sul rapporto e sul dialogo tra la società italiana e i migranti.

Accanto agli spettacoli ci sono stati anche degli incontri meticci , tra cui quello che ha aperto tutto il festival mercoledì 8 giugno, alle 18, alla Casa della carità. Sul tema "Bene comune, teatro, città" si sono confrontati don Virginio Colmegna, presidente della fondazione Casa della carità, Gigi Gherzi, direttore artistico "Teatro degli incontri", Maria Grazia Guida, direttore della fondazione Casa della carità e Guido Galardi, vicepresidente di Coop Lombardia. Da segnalare anche diversi momenti di festa e convivialità, in particolare la Biciclettata poetico-meticcia di sabato pomeriggio, lungo il Naviglio della Martesana e in via Padova.

Il festival ha accolto anche un ospite d'eccezione, Miguel Benasayag, che venerdì 10 ha tenuto un laboratorio sociale dal titolo: "Resistere è creare: il teatro e le arti come strumenti per la crescita personale e per favorire l'inclusione sociale". Benasayag è un filosofo e psicanalista argentino, antico combattente della dittatura in Argentina e che oggi vive a Parigi dove si occupa di problemi dell'infanzia e dell'adolescenza.

Notizie CULTURA

  1. 18/12/18 | “Prove Aperte” della Scala, anche la Casa della carità tra i beneficiari

    Il ricavato dei biglietti della prova di domenica 14 aprile 2019 sosterrà due progetti della Casa dedicati all’infanzia

     
  2. 10/12/18 | Grazie presidente Mattarella

    La Casa della carità esprime gratitudine al Capo dello Stato per il suo discorso di fine anno

     
  3. 23/11/18 | "Dalle certezze al dubbio: percorsi di deistituzionalizzazione"

    Venerdì 23 novembre alle 9.00, un convegno promosso dalla Casa della carità in collaborazione con il Piccolo Teatro di Milano, per i 40 anni della Legge Basaglia

     
  4. 23/11/18 |  «Le persone sono più importanti delle loro identità»

    Venerdì 23 novembre incontro a Cologno Monzese

     
leggi tutte le notizie

 
 

Il presidente della fondazione

Iniziative di spiritualità

La nostra newsletter

 
Torna ad inizio pagina