FlexCMP

Beni confiscati, anche la Casa tra i protagonisti dei progetti sociali per il riutilizzo

28 marzo 2017

Al via giovedì 30 marzo il 5° Festival dei Beni confiscati alle mafie promosso da Comune di Milano e Libera

Dal 30 marzo al 2 aprile torna in città il Festival dei Beni confiscati alle mafie promosso dal Comune di Milano in collaborazione con Libera, cui la Casa della carità aderisce, e giunto alla quinta edizione.

Il Festival, sotto la direzione artistica di Barbara Sorrentini, vuole sensibilizzare la cittadinanza sulla presenza delle mafie a Milano e in Lombardia, trasformando i patrimoni immobili sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata in luoghi di dibattito, confronto, incontro e scambio culturale. 

Nella nostra provincia sono più di 700 i beni confiscati alla mafia, di cui 161 sola nella città di Milano. Oggi molti di questi luoghi sono stati assegnati ad associazioni, cooperative e fondazioni che vi gestiscono progetti sociali e culturali. Tra questi, a Milano ci sono anche otto appartamenti assegnati alla Casa della carità, dove sono ospitati singoli e famiglie all'interno dei nostri progetti di autonomia e accompagnamento.

Proprio in qualità di assegnataria di otto appartamenti confiscati, inoltre, la nostra fondazione aveva contribuito nel 2012 alla stesura delle “Linee guida per l'assegnazione e la gestione dei beni confiscati alla criminalità organizzata.

 

Fondazione Casa della carità "Angelo Abriani" - via Francesco Brambilla 10 - 20128 Milano - C.F. 97316770151 - Credits

Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito