FlexCMP

La storia di Antonio, che racconta la crescita delle disuguaglianze

Ospite da alcuni mesi in Casa della carità, Repubblica ha raccolto la sua testimonianza in occasione della pubblicazione del Rapporto sulle Disuguaglianze di Oxfam

Lunedì 16 gennaio Oxfam ha pubblicato il suo annuale rapporto sulle disuguaglianze, intitolato per il 2017 "Un'economia per il 99%". Secondo i dati della charity inglese, infatti, "Otto persone possiedono da sole la stessa ricchezza della metà più povera dell’umanità", cioè 3,6 miliardi di persone.

Anche in Italia la situazione non è diversa tanto che Oxfam stima che nel nostro Paese il 20% più ricco della popolazione abbia in tasca il 69,05% della ricchezza; un ulteriore 17,6% della ricchezza è in mano ad un altro 20% di popolazione mentre la maggioranza, il 60%, risulta la più povera dal momento che nelle sue mani resta 13,3% della ricchezza.  

"La crescita economica - si legge nel rapporto di Oxfam - va a vantaggio dei più ricchi mentre il resto della società soffre, in particolare i poveri". Tra questi ci sono anche i cosiddetti "nuovi poveri": persone o famiglie che potevano contare su una condizione economica buona e stabile e che invece, per diversi motivi, si sono ritrovate in breve tempo senza lavoro, e quindi senza reddito, e senza una casa. 

Alcune di queste storie sono state raccontate da Repubblica, che ha incontrato anche Antonio, accolto da qualche mese in Casa della carità. Vi proponiamo integralmente l'articolo con la sua testimonianza, raccolta da Filippo Santelli.

 
Articolo di Filippo Santelli, pubblicato su La Repubblica di lunedì 16 gennaio 2017
 

[Foto in apertura di Lorenzo De Francesco]

 

Fondazione Casa della carità "Angelo Abriani" - via Francesco Brambilla 10 - 20128 Milano - C.F. 97316770151 - Credits

Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito