1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

L'inquietudine delle differenze

7 maggio 2007

Convegno internazionale dell'Accademia della carità e Unidea-UniCredit Foundation sul tema del disagio suscitato dalla diversità sociale e culturale. Con Michel Wieviorka.

Riflettere sul sentimento di paura e disorientamento suscitato dalla diversità sociale e culturale. È questo il senso del convegno "L'inquietudine delle differenze" organizzato da Unidea-UniCredit Foundation e dall'Accademia della carità, nel Salone degli affreschi della Società Umanitaria a Milano.

I flussi migratori e l'espansione dell'economia globale concentrano nelle città metropolitane persone portatrici di culture diverse.
Le problematiche derivanti da questo fenomeno saranno l'oggetto della Lecture "Ciò che inquieta nelle differenze" proposta da Michel Wieviorka, uno dei sociologi francesi attualmente di maggior fama.

Proveniente dall'Ecole des hautes Ètudes en sciences sociales di Parigi, Wieviorka si è occupato prevalentemente di conflitto, violenza e razzismo, dei movimenti sociali e di tematiche spinose quali la differenza culturale. Ha studiato, in particolare, il fenomeno della cosiddetta rivolta delle banlieues parigine del 2005. Dirige la rivista Cahiers Internationaux de Sociologie e, nel luglio 2006, è stato eletto presidente dellíAssociazione internazionale di sociologia.

La relazione di Wieviorka è stata poi discussa da Marco Aime, antropologo e docente della facoltà di Lettere e filosofia dellíuniversità degli studi di Genova, e da Laura Balbo, sociologa e docente della facoltà di Scienze politiche dell'università degli studi di Padova.

"L'inquietudine delle differenze" è stato il terzo convegno organizzato da Unidea-UniCredit Foundation e Accademia della carità sui temi della città e della solidarietà sociale. A ogni edizione hanno partecipato alcuni tra i più importanti studiosi delle trasformazioni antropologiche e sociali che investono le realtà metropolitane (Zygmunt Bauman nel 2004, Richard Sennett nel 2005 e Marc Augé nel 2006).

Notizie CULTURA

  1. 28/03/20 | Impegniamoci affinché il "dopo" non sia uguale al "prima"

    Una riflessione di don Virginio, a partire dalla lettera aperta dell'Associazione Laudato Si' sullo stop alle attività lavorative non essenziali

     
  2. 26/03/20 | RaccontaMi torna... online

    Percorso formativo di scrittura creativa, storytelling e terapia della narrazione

     
  3. 17/03/20 | "Seminare accoglienza, raccogliere futuro". Il libro di Ero Straniero

    Il volume curato dalla Casa raccoglie contributi di tante personalità che negli anni hanno contribuito con la Fondazione al dibattito sull'immigrazione, fino alla nascita della campagna "Ero Straniero"

     
  4. 12/03/20 | Libri contro il virus

    I consigli di lettura della nostra Biblioteca del Confine per affrontare l'isolamento

     
leggi tutte le notizie

 
 

Il presidente della fondazione

Iniziative di spiritualità

La nostra newsletter

 
Torna ad inizio pagina