FlexCMP

"La città del noi", partecipa anche don Colmegna

4 marzo 2016

Terzo appuntamento nazionale per operatori sociali, promosso a Torino dalla rivista Animazione Sociale

Oggi le città sono delicati esperimenti, dove si prova a comporre tante diversità, tra pulsioni a escludere e tensioni a tener dentro. All'interno dei tessuti locali, gli operatori sociali sono chiamati a essere anime pensanti e desideranti. Da queste riflessioni prende spunto "La città del noi. Per una politicità dei desideri nel lavoro sociale", terzo appuntamento nazionale per operatori sociali, promosso a Torino dalla rivista Animazione Sociale dell'associazione Gruppo Abele.

Nelle tre giornate di incontri, confronti e workshop si alterneranno tante personalità della cultura, dell'associazionismo, della ricerca che approfondiranno quei processi utili a costruire una “città del noi”, capace di includere e non abbandonare. Ci si chiederà poi come i servizi sociali, educativi, sanitari, del pubblico e del privato sociale possono costruire condizioni di diritto per le vite fragili.

Giovedì 10 marzo, anche don Virginio Colmegna sarà ospite della manifestazione, all'interno del workshop:  "Star dentro le povertà urbane: per città che non abbandonano". Ne discuterà insieme a Ivo Lizzola, docente di Pedagogia Sociale,  e Uberto Moreggia, dirigente del servizio Prevenzione fragilità sociali e sostegno agli adulti in difficoltà del Comune di Torino.

Per maggiori informazioni e iscrizioni: www.animazionesociale.it

dal 10 al 12 marzo
Fabbrica delle “e”,
corso Trapani 91/b
Torino

 
 

Fondazione Casa della carità "Angelo Abriani" - via Francesco Brambilla 10 - 20128 Milano - C.F. 97316770151 - Credits

Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito