1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

L'Europa e i migranti

12 maggio 2015

Intervista con l'europarlamentare Patrizia Toia

Come si sta muovendo l'Unione Europea sul tema migranti dopo l'ennesima strage nel Mediterraneo?
L'impressione è che siamo a un punto di svolta. Finché non avremo decisioni concrete, all'altezza delle sfide che abbiamo di fronte, si tratta di un'impressione, certo. Credo però che l'ultima tragedia - ed è un'amara constatazione - abbia portato a un cambiamento di atteggiamento. Penso che, dopo il Consiglio Europeo straordinario voluto dall'Italia, l'UE si stia attrezzando, anche rivolgendosi giustamente alla comunità internazionale, intesa come Onu.

E in tutto questo, qual'è il ruolo del Parlamento Europeo?
Di fronte a queste prese di posizione, la spinta del Parlamento va in una duplice direzione: da un lato, considera positivamente l'aver affrontato il tema, dall'altro valuta alcune decisioni insufficienti, soprattutto quelle in merito alla condivisione di responsabilità legate all'accoglienza dei profughi. Ci sono ancora troppi stati che non accolgono e non vogliono accogliere delle quote accettabili di persone. Le questioni sul tavolo, però, sono molteplici. Due in particolare.

E quali sarebbero?
C'è un problema di emergenza, e quindi di soccorso in mare, per risolvere il quale Triton è stata triplicata, ma senza che sia stata fatta chiarezza sui compiti della missione. Soccorrere però è un dovere e questo lo hanno dichiarato anche Mogherini e Juncker. Per questo, credo sia necessario cambiare il mandato di Triton per sciogliere ogni ambiguità. Poi bisogna risalire alle origini del fenomeno migratorio, affrontandone le cause.

Su questo versante, quindi, come si sta muovendo l'Unione Europea?
C'è un impegno per una cooperazione con i Paesi che alimentano il flusso migratorio e questa è la parte che andrà maggiormente sviluppata. Vanno attivati dei processi e stanziate le risorse necessarie per garantire ai rifugiati la protezione internazionale alla quale hanno diritto senza questi viaggi tremendi e, al tempo stesso, per consentire ai migranti economici di accedere a dei canali di accesso legali e meno rischiosi. 


[nella soto sopra, Patrizia Toia,
capodelegazione del Partito Democratico al Parlamento europeo
patriziatoia.info]

 

Notizie PERSONE

  1. 12/03/20 | Dobbiamo stare distanti, ma vogliamo sentirci vicini

    Uno spazio virtuale per stare insieme, per condividere pensieri, poesie, fotografie, idee, proposte, domande, risposte. Restando a Casa.

     
  2. 10/03/20 | Il Parlamento Europeo intervenga per fermare le violenze, l’uso della forza e la violazione dei diritti umani alla frontiera tra UE e Turchia

    Appello di 49 realtà italiane ed europee, tra cui la Casa

     
  3. 04/03/20 | Profughi, la Casa si unisce all'appello del Tavolo Asilo

    Chiediamo che la UE intervenga subito con un piano urgente di ricollocamento delle persone che giungono in Grecia e Bulgaria

     
  4. 02/03/20 | Rinvio prima giornata "Progetto di sperimentazione per lo studio di un sistema innovativo di tutela dei diritti all’ascolto, alla salute e alla difesa processuale dei bambini in comunità"

    L'avvio del corso slitta a lunedì 30 marzo 2020

     
leggi tutte le notizie

 
 

Il presidente della fondazione

Iniziative di spiritualità

La nostra newsletter

 
Torna ad inizio pagina