1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

"Essere umani"

24 luglio 2013

Lunedì 28 luglio, un momento di solidarietà con tutte le vittime del conflitto israelo-palestinese. Un'iniziativa aperta a tutti e promossa dalla Casa insieme a Associazione Italiana Amici di Neve Shalom - Wahat al-Salam e IPSIA

La Casa della carità,  Associazione Italiana Amici di Neve Shalom - Wahat al-Salam e IPSIA (Istituto Pace Sviluppo Innovazione Acli) promuovono per lunedì 28 luglio, a partire dalle ore 19.00, nella nostra sede, intorno all'ulivo simbolo di pace piantato nel nostro giardino, un momento di solidarietà con le vittime del recente drammatico picco di violenza in Israele-Gaza.

L'iniziativa intende essere un momento di silenzio: non desideriamo che si aprano dibattiti, esprimano opinioni, schierino bandiere. Vogliamo piuttosto esprimere vicinanza a chi, in modi diversi, da una parte e dall'altra, sta soffrendo. Vogliamo dirci contrari alla violenza, da qualsiasi parte arrivi e verso chiunque si rivolga.

Vogliamo chiedere che si torni al dialogo e alla ricerca di una soluzione politica e non bellica al conflitto, una soluzione che ponga fine all’occupazione, che preveda riconoscimento e legittimazione reciproci. Una soluzione che preveda piena libertà, autonomia e dignità per entrambi i popoli, nel rispetto dei diritti umani. Vogliamo allo stesso tempo ricordare le vittime di tutti i conflitti in corso, a partire da quello in Siria.

Vogliamo essere e restare umani.


Ci rifaremo all'esperienza di Neve Shalom - Wahat al-Salam, nella quale arabi ed ebrei, israeliani e palestinesi, di qualunque fede, vivono insieme in equità, educando i propri figli alla convivenza giusta e alla legittimazione, alla valorizzazione delle reciproche identità.

L'iniziativa sarà anche l'occasione per condividere insieme ai numerosi ospiti di fede musulmana della Casa della carità la festa dell'Eidr al-Fitr. Al termine del momento di riflessione, tutti i partecipanti sono invitati a una cena comune per stare insieme, come diceva don Tonino Bello, “nella convivialità delle differenze”.

Aderiscono all'iniziativa:
ACLI provinciali Milano e Monza Brianza, Bruno Segre, Casa della Cultura Islamica, Centro Internazionale Helder Camara, Comunità ebraica di Milano, COREIS, Daniele Nahum, FUCI Diocesi di Milano, Libera Milano, Ordine Sufi Jerrahi-Alveti, Pax Christi Milano, Pierfrancesco Majorino, Tenda del Silenzio, Terrasanta UPF Monza Brianza.

Per informazioni e adesioni

Rosita Poloni
Associazione Italiana
Amici di Neve Shalom - Wahat al-Salam
347.7343461

 

Notizie PERSONE

  1. 22/03/19 | Reagiamo alla deriva, l'odio non può invadere il mondo

    Dopo l'episodio di San Donato, serve un messaggio di non violenza

     
  2. 14/03/19 | Africa, alle radici dell'immigrazione

    Il 14 marzo, il convegno internazionale del Centro Studi SOUQ ospiterà Adama Dieng, sottosegretario ONU consigliere del Segretario Generale sul genocidio

     
  3. 14/03/19 | Un progetto di difesa dei migranti vittime di tortura e reati

    Lo ha lanciato don Colmegna al termine del convegno "Africa, alle radici dell'immigrazione"

     
  4. 04/03/19 | 2 marzo, in duecentomila per i diritti e l’inclusione

    "Milano ha dimostrato e dimostra ogni giorno che l'accoglienza è un seme di coesione sociale" 

     
leggi tutte le notizie

 
 

Il presidente della fondazione

Iniziative di spiritualità

La nostra newsletter

 
Torna ad inizio pagina