1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

Ero Straniero, un anno fa la consegna delle firme alla Camera

I promotori rilanciano i contenuti della proposta di legge di iniziativa popolare

 

Esattamente un anno fa, il 27 ottobre 2017, abbiamo consegnato al Parlamento le 90.000 firme raccolte con la campagna “Ero straniero - L’umanità che fa bene” su una proposta di legge d'iniziativa popolare per cambiare le politiche sull’immigrazione e superare la legge Bossi-Fini. Una campagna impegnata anche sul piano culturale, che ha unito centinaia di realtà diverse in tutta Italia, laiche e religiose, e che ha dato voce a quella parte del Paese che rifiuta la politica dei muri e crede che il fenomeno migratorio vada governato tenendo insieme legalità, diritti e coesione sociale.

A un anno di distanza, il clima nel Paese è profondamente cambiato. Come in altre parti d’Europa, anche in Italia trovano consenso atteggiamenti di chiusura nei confronti dei migranti che legittimano politiche sempre più restrittive. In questo contesto si inserisce la proposta del governo per un “decreto sicurezza”, in questi giorni al Senato per la conversione in legge.

Come realtà impegnate nel sociale e nella tutela dei diritti, siamo contrari a una gestione delle migrazioni con logiche meramente securitarie e di ordine pubblico. In particolare, ci preoccupano le proposte di abolizione del permesso di soggiorno per motivi umanitari e il restringimento del sistema Sprar in favore dei grandi centri di accoglienza. Proposte che di fatto aumenterebbero il numero degli immigrati irregolari e ridurrebbero le opportunità di integrazione, creando dei veri e propri “fantasmi” senza diritti, facilmente esposti a devianza, lavoro nero e delinquenza.

Per garantire sicurezza e inclusione e allo stesso tempo scongiurare forme di cattiva gestione del sistema di accoglienza nel suo complesso, consideriamo indispensabile rafforzare, e non ridurre, l'accoglienza diffusa in realtà di piccole dimensioni. Le grandi strutture collettive - luoghi di approdo, attesa, accoglienza o trattenimento - si sono dimostrate inefficaci e costose. Per questo riteniamo inaccettabile che il “decreto sicurezza” proponga di estendere ulteriormente il trattenimento delle persone nei Centri di permanenza per il rimpatrio (CPR).

La consegna delle firme di Ero Straniero alla Camera, il 27 ottobre 2017
 
 

La proposta di legge di iniziativa popolare che abbiamo depositato un anno fa alla Camera dei deputati va nella direzione opposta al decreto, provando ad affrontare il fenomeno migratorio in tutta la sua complessità e si propone di superare la legge Bossi-Fini alla luce dei limiti sperimentati in questi decenni e del mutamento dei flussi nel contesto geo-politico degli anni più recenti.

Chiediamo innanzitutto forme di regolarizzazione su base individuale degli stranieri già radicati nel territorio, che abbiano legami familiari o la disponibilità di un lavoro, e misure per l'inclusione sociale e lavorativa di richiedenti asilo e rifugiati, puntando sulle politiche attive. Proponiamo canali diversificati di ingresso per lavoro, a partire dall'introduzione di un permesso di soggiorno temporaneo per ricerca lavoro per facilitare l’incontro con i datori di lavoro italiani. E ancora proponiamo di abolire il reato di clandestinità, che è ingiusto, inutile e controproducente, e di garantire l'effettiva partecipazione dei cittadini stranieri alla vita democratica dei territori col voto amministrativo.

Vogliamo rilanciare questi contenuti e offrirli alla riflessione del Parlamento, impegnato nel dibattito sul "decreto sicurezza”, in modo che trovino voce le ragioni dei tanti che, come noi, credono che questo fenomeno debba essere governato attraverso una visione di prospettiva dei processi migratori e dei territori che ne sono interessati, difendendo l'idea di una società aperta, solidale e plurale, che sappia rispondere ai bisogni e alle paure di tutta la cittadinanza, senza cedere alla ferocia dei linguaggi e allo scontro sociale.

Per il Comitato Ero straniero:
Fondazione Casa della carità "Angelo Abriani", A Buon Diritto, ARCI, ASGI, Centro Astalli, ACLI, CILD, CNCA, Radicali italiani

 

Notizie CULTURA

  1. 23/03/19 | Un anno con Salute senza frontiere

    Teatro e musica per celebrare il servizio della cooperativa NIW

     
  2. 20/03/19 | il 20 marzo la presentazione del libro "Una vocazione controcorrente"

    Iniziativa editoriale che ha coinvolto don Colmegna con Enrico Finzi e la suora clarissa cappuccina Chiara Francesca Lacchini. 

     
  3. 14/03/19 | Africa, alle radici dell'immigrazione

    Il 14 marzo, il convegno internazionale del Centro Studi SOUQ ospiterà Adama Dieng, sottosegretario ONU consigliere del Segretario Generale sul genocidio

     
  4. 13/03/19 | Sei anni di pontificato di Papa Francesco

    Il 13 marzo 2013 Jorge Mario Bergoglio venne eletto a successore di Pietro: una riflessione di don Colmegna

     
leggi tutte le notizie

 
 

Il presidente della fondazione

Iniziative di spiritualità

La nostra newsletter

 
Torna ad inizio pagina