1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

Daspo urbano, agli interventi di deterrenza si uniscano investimenti, azioni e presenza di carattere sociale

Don Colmegna: "Più che dare effettive risposte, il provvedimento in discussione in Consiglio comunale a Milano fa vincere la cultura della paura"

26 luglio 2019

"Non è aumentando i luoghi dove i vigili urbani possono intervenire per allontanare chi è responsabile di alcuni comportamenti negativi che si risolvono i problemi legati alla sicurezza, che rischiano in questo modo di essere solo spostati da un'altra parte. Come operatori sociali, il dibattito sul Daspo urbano ci provoca e vorremmo aggiungere un altro elemento: agli interventi di deterrenza e contrasto si uniscano altrettanti investimenti, azioni e presenza di carattere sociale, che affrontino alla radice la grave marginalità, dove a volte si inseriscono quelle situazioni di degrado che preoccupano i cittadini", così don Virginio Colmegna, presidente della Casa della carità, sul provvedimento in discussione in Consiglio comunale. 

"Siamo noi, infatti, i primi a essere preoccupati per l'aumento della marginalità, che sta diventando sempre più complessa, e siamo i primi a dire che le legittime paure delle persone vanno riconosciute. Ma io credo che una città come Milano possa rispondere al bisogno di sicurezza che avvertono molti suoi residenti con un approccio diverso, che sappia rispondere anche con interventi sociali mirati", continua. 

"I reati previsti nel Daspo sono già perseguibili dalla legge. Questo provvedimento, più che dare effettive risposte, ha invece conseguenze negative sul versante culturale, perché vince la cultura della paura e cresce l'idea che chi vive in condizioni di marginalità sia insopportabile, pericoloso; aumenta la cattiveria sociale", dice ancora don Colmegna.

"Comprendiamo che la giunta non è mossa da un approccio 'giustizialista' e accogliamo positivamente la presenza di un emendamento che propone di rimuovere la dicitura 'accattonaggio molesto' dal testo. Per questo, auspichiamo che il dibattito su questo tema si allarghi, per esempio con momenti pubblici di confronto, anche nei vari quartieri, che coinvolgano i cittadini e le forze sociali", conclude il presidente della Casa della carità. 

 
 

Notizie MILANO

  1. 24/07/19 | Firmato l’accordo tra Comune e l’Associazione ‘Speranza oltre noi’ 

    Alla Cascina San Carlo di Quartiere Adriano, il primo intervento ispirato alla Legge sul “Dopo di noi” 

     
  2. 01/07/19 | Gli orari della Casa durante l'estate 

    Anche d'estate le nostre porte saranno aperte, con qualche variazione d'orario

     
  3. 25/06/19 | Una Casa aperta. Sempre. A tutti

    In un anno, la Fondazione ha aiutato 4.609 persone in difficoltà. Lo rivela il Bilancio di sostenibilità 2018, presentato in un incontro sul futuro del terzo settore con il professor Stefano Zamagni

     
  4. 13/06/19 | Il futuro del terzo settore tra apertura e trasparenza

    Giovedì 13 giugno, all'Acquario Civico di Milano, un momento di riflessione per la presentazione del Bilancio di sostenibilità 2018 della Fondazione. Intervengono Stefano Zamagni, Cristina Tajani e Marco Bentivogli

     
leggi tutte le notizie

 
 
 

Il presidente della fondazione

Iniziative di spiritualità

La nostra newsletter

 
Torna ad inizio pagina