1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

Ciao Carlos

6 novembre 2013

Questa settimana, un ospite della Casa ci ha lasciato. Lo salutiamo e ricordiamo così

Avevamo sperato di salutarlo in ben altro modo, vedendolo uscire dalla nostra Casa con un fegato nuovo perfettamente funzionante, alla volta dell’alloggio popolare che, dopo tanto aspettare, gli era stato assegnato. E invece Carlos è mancato martedì per complicanze dovute al trapianto, anche quello a lungo atteso.

Se ne è andato all’ospedale Sacco, accompagnato dagli educatori e dalla dottoressa Gaia, dopo due anni trascorsi alla Casa della carità. Due anni durante i quali si era lasciato alle spalle un periodo trascorso in strada, aveva fatto tutto ciò che era necessario per “rimettersi in piedi” e si era fatto voler bene da ospiti e operatori.

“Sarà banale, ma la scomparsa di Carlos ci ha fatto pensare a quanto il destino sia cinico, a volte. È arrivata proprio nel momento in cui stava per raggiungere quegli obiettivi per cui tanto si era speso in questi mesi” riflette, con un velo di tristezza, Giorgio Quaranta, responsabile dell’accoglienza maschile, dove Carlos era accolto.

I funerali si terranno domani, venerdì 7 novembre, alle ore 11, nella cappella dell’ospedale Sacco (via G.B. Grassi, 74).

Alla famiglia le più sentite condoglianze da parte di tutta la Fondazione.
A Carlos un saluto e un grande abbraccio da tutti noi.

 

Notizie PERSONE

  1. 23/01/20 | Una società senza memoria inventa un presente senza futuro

    Una riflessione del nostro presidente don Virginio Colmegna per il Giorno della Memoria

     
  2. 08/01/20 | L'inclusione sociale spiegata dai ragazzi di Work in Progress

    Minori stranieri non accompagnati e studentesse milanesi hanno percorso insieme un viaggio straordinario

     
  3. 07/01/20 | Il volontariato alla Casa della carità, il saluto di Luigi

    Al termine della sua esperienza alla Casa, una lettera che esprime con intensità quello che significa essere volontari in via Brambilla 

     
  4. 05/12/19 | Natale: un'esplosione di vita che irrompe dalle tenebre

    Il Presepe realizzato come da tradizione dalla Casa è dedicato a tutta l'umanità sofferente 

     
leggi tutte le notizie

 
 

Il presidente della fondazione

Iniziative di spiritualità

La nostra newsletter

 
Torna ad inizio pagina