1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

Abbiamo urgente bisogno di indumenti

Sabato 24 e domenica 25 febbraio raccolta straordinaria di vestiti invernali da uomo

Un appello per raccogliere indumenti invernali da uomo. Lo lancia la Fondazione Casa della carità, che per sabato 24 e domenica 25 febbraio, dalle 9 alle 18, grazie alla collaborazione dei suoi volontari, ha organizzato due giornate di raccolta straordinaria di vestiti.

“Nonostante già in alcuni mesi precedenti si fossero registrati alcuni picchi di presenze, a partire dal mese di ottobre 2017 c’è stato un aumento esponenziale delle persone che si rivolgono a noi per fare una doccia calda e avere un cambio d’abito e di biancheria intima. Siamo infatti passati da una media di 35-40 persone a 60. In alcune occasioni siamo anche arrivati a superare le 80 docce al giorno”, spiega Ciro Di Guida, responsabile del servizio, che è aperto ogni martedì, giovedì e venerdì pomeriggio.

Il guardaroba della Casa della carità si è trovato quindi a fronteggiare un numero imprevisto di richieste: “Abbiamo soprattutto bisogno di indumenti invernali da uomo. Ci servono pantaloni, maglioni, felpe, scarpe e giacconi, ma anche coperte e sacchi a pelo”, aggiunge Ciro.

A rilanciare l’appello è il presidente della Fondazione, don Virginio Colmegna: “Le docce sono uno dei servizi di prima accoglienza che la Casa della carità garantisce a tutti, permettendoci di aiutare concretamente anche le persone che non riusciamo ad accogliere e di instaurare con loro una relazione. Invito quindi tutti a darci a una mano e a partecipare queste due giornate straordinarie di raccolta di indumenti, per aiutarci a garantire un cambio pulito a tutti”.

Il servizio docce della Casa della carità è frequentato da persone senza fissa dimora, che abitano per strada o in edifici dismessi, oppure che vivono in stanze o appartamenti, ma in condizioni precarie e non hanno accesso all’acqua corrente. Già dal 2016 al 2017 si è registrato un aumento di utenti (+19,27%), che sono passati da 981 a 1.170. Cresciuto anche il numero delle docce erogate (+13,63%), passate da 4.805 a 5.460.

Facendo una piccola indagine, chi non vive in appartamento o riesce a usufruire dei dormitori cittadini, trova riparo principalmente nei pressi della stazione di Greco (30), lungo le strade tra via Padova e quartiere Adriano (17), a cascina Gobba (15), nelle fabbriche abbandonate tra Lambrate e Rubattino (17), nelle vie intorno alla Stazione Centrale (10), nei giardini di largo Marinai d’Italia (10). Alcune persone arrivano anche da fuori Milano, in particolare da Monza (5).

Chi non riuscisse a venire nei giorni di raccolta straordinaria, può consegnare eventuali donazioni di abiti ogni lunedì dalle 9.30 alle 12 e dalle 14 alle 17. Per maggiori informazioni: relazione@casadellacarita.org

 

Notizie PERSONE

  1. 15/09/20 | La Casa ricorda con commozione don Roberto Malgesini

    Il sacerdote, ucciso nella mattina del 15 settembre a Como, aveva condiviso l'esperienza della nostra Fondazione

     
  2. 08/09/20 | Garantire la salute e la dignità delle persone

    La notizia dei migranti in quarantena a bordo di due autobus ci ha molto turbato

     
  3. 08/09/20 | Un'estate diversa per ragazzi di Casa Francesco

    La pandemia non ha permesso una vacanza di più giorni, ma non sono mancate le occasioni di divertimento

     
  4. 25/08/20 | E se fossimo noi ad affogare?

    Un giorno di digiuno, venerdì 28 agosto, come segno di protesta contro l’indifferenza per le morti in mare e in solidarietà con i migranti

     
leggi tutte le notizie

 
 

Il presidente della fondazione

Vuoi fare una donazione?

Iniziative di spiritualità

 
Torna ad inizio pagina