1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

Anna è libera, don Virginio Colmegna sospende il digiuno

7 febbraio 2013

“E’ un gran risultato che, però, fa intravvedere quanto ancora ci si debba impegnare per difendere i diritti e quanto il carcere non serva” ha commentato il presidente della fondazione

Anna è libera. Dopo un mese di carcere, lontana dalle sue tre figlie, lontana dalla sua casa, dal suo lavoro, dalla sua vita “normale” faticosamente conquistata dopo un passato – ormai archiviato – di sofferenza e sottomissione. Piccola, minuta, gli occhi che sprizzano felicità, Anna ha finalmente potuto riabbracciare le figlie e solo in quel momento ha capito che l’incubo è finito. Il giudice dell’esecuzione del Tribunale di Milano ha dichiarato la non esecutività della sentenza e ha disposto l’immediata scarcerazione dopo trenta giorni di carcere. Per una contravvenzione del 2006, Anna era stata condannata con sentenza di primo grado nel maggio del 2010 al termine di un processo celebrato senza che potesse difendersi, perché nessuno le aveva mai notificato nessun atto.

Storia surreale, quella di Anna, caso emblematico tra i tanti che purtroppo non emergono e non trovano spazio su giornali e televisioni. Anna – così l’abbiamo chiamata per rispetto della sua privacy – giovane donna di 27 anni, vive da tempo con le figlie, ha una casa e un lavoro fisso e retribuito, conduce una vita esemplare (come testimoniano tutti quelli che l’hanno conosciuta e frequentata in questi anni, a cominciare dalle maestre delle figlie e dal suo datore di lavoro) ma dal maggio del 2010 al gennaio di quest’anno non riceve alcuna notifica né dell’inizio del processo né della condanna. Viene dichiarata irreperibile senza che sia mai cercata.

A gennaio scattano per Anna le manette: i carabinieri che l’arrestano sono i primi a restare sorpresi di fronte a una persona normale che la mattina presto sta aiutando le figlie a vestirsi, le danno il tempo di portarle a scuola e di trovare qualcuno cui affidarle.

Anna era stata ospite della Casa della carità di Milano, dove era stata seguita e aiutata a rompere con il passato e a trovare una sua autonomia. La notizia del suo arresto trova don Virginio Colmegna, presidente della Casa, impegnato insieme ai rappresentanti di associazioni e istituzioni nella campagna “Carcere, diritti e dignità” che prevede, tra l’altro, un digiuno a staffetta contro la grave situazione esistente nelle carceri. Subito decide di prolungare il suo digiuno a oltranza: “Fino a quando – dice – Anna non sarà liberata”.

Ora che Anna è libera, don Virginio è stato il primo ad abbracciarla all’uscita dal carcere di Como. Dopo giorni di tristezza, finalmente sorride anche lui: “E’ un gran risultato che, però, fa intravvedere quanto ancora ci si debba impegnare per difendere i diritti e quanto il carcere non serva”. L’abbraccio che mi ha dato, confessa, “è il segno di una grande gioia interiore”. Poi aggiunge: “L’appello di “Carcere, diritti e dignità” resta e continua per tutte le Anna che non hanno parola, contro il sovraffollamento carcerario, per la dignità e i diritti di tutti i detenuti”

Notizie DIRITTI

  1. 25/06/19 | Una Casa aperta. Sempre. A tutti

    In un anno, la Fondazione ha aiutato 4.609 persone in difficoltà. Lo rivela il Bilancio di sostenibilità 2018, presentato in un incontro sul futuro del terzo settore con il professor Stefano Zamagni

     
  2. 18/06/19 | Ero Straniero, comincia la discussione parlamentare

    Oggi, 18 giugno, la prima audizione in Commissione Affari Costituzionali

     
  3. 11/04/19 | Ero Straniero all'esame della Camera!

    Dopo 18 mesi, la proposta di legge approda alla Commissione Affari Costituzionali 

     
  4. 03/04/19 | A Roma una violenza figlia dell'antigitanismo

    I discorsi d'odio hanno un impatto diretto in termini di discriminazione nei confronti dei cittadini rom e sinti

     
leggi tutte le notizie

 
 

Il presidente della fondazione

Iniziative di spiritualità

La nostra newsletter

 
Torna ad inizio pagina