1. Vai al contenuto della pagina
  2. Vai al Menu Principale
Casa della Carità
dona ora
 
 
 

Contenuto della pagina

 

8 aprile, giornata internazionale dei rom e dei sinti: aiutaci!

29 marzo 2013

Condividi anche tu uno dei video della campagna di comunicazione "Tre Erre" e compi un piccolo gesto contro pregiudizio e discriminazione


Oggi è la giornata internazionale dei rom e dei sinti. Come fondazione, dopo anni di impegno con le persone rom di Milano, vogliamo dedicare questo 8 aprile alla sensibilizzazione.

La comunità rom è una delle meno conosciute e più stigmatizzate del nostro paese. Secondo un'indagine presentata dalla Casa della carità lo scorso anno, oltre il 47 per cento dei rom residenti in Italia dichiara di essere stato discriminato o trattato male a causa della sua appartenenza etnica. Al tempo stesso, però, ha rivelato nel 2008 lo studio “Italiani. Rom e sinti a confronto. Una ricerca “quanti – qualitativa”, solo un italiano su mille conosce realmente la situazione nella quale vivono i circa 170mila rom e sinti nel nostro paese.

Per questo, per andare contro la discriminazione e per favorire quei percorsi positivi di inclusione promossi proprio dal progetto “Pairs”, la Casa della carità ha aderito alla campagna di comunicazione “Tre Erre” lanciata dalla Fondazione Romanì Italia. Il primo passo è stato la realizzazione di un video contro il pregiudizio (disponibile qui anche in inglese). L'invito, per lunedì 8 aprile, è quello di condividere proprio questo spot: su siti, web tv, blog e social network. Per Twitter, gli hashtag dell'iniziativa sono #8aprile e #rom. Si tratta di un gesto semplice, ma significativo che chiediamo sia ai singoli cittadini che ad enti, istituzioni e realtà della società civile.


La giornata di oggi arriva al termine di una settimana che ha visto la Casa coinvolta, insieme ad altre realtà, in diverse iniziative in vista di questa ricorrenza.

Dal 3 al 5 aprile, si è tenuta in Italia la visita di studio del progetto transazionale “Pairs. Share experience, incourage inclusion”. Vi hanno preso parte 18 enti diversi, provenienti da otto paesi europei tra quelli che partecipano al “South East Europe Transnational Cooperation Programme”. Ad ospitarli a Milano, il 3 aprile pomeriggio e il 4 mattina è stato il CeAS, il Centro Ambrosiano di Solidarietà che partecipa al progetto per il nostro paese insieme all'Opera Nomadi e al Comune di Ferrara, dove la visita si è conclusa.

Nel corso dei due giorni, il CeAS ha presentato, in particolare, l'esperienza del “Villaggio Solidale” che è stata realizzata in collaborazione con la Casa della Carità: si tratta di un ampio e positivo percorso di inclusione sociale intrapreso da numerose famiglie rom romene sgomberate da insediamenti informali. Non solo, accanto a questo, sono state oggetto di studio anche altri progetti sviluppati a Milano, come per esempio “Sulla strada della musica”, promosso dalla Casa della carità con il Conservatorio “G. Verdi”. Inoltre , nel pomeriggio di mercoledì 3 aprile, il gruppo ha visitato Palazzo Marino e ha incontrato Alessandra De Bernardis, dell'assessorato alla Sicurezza e alla coesione sociale, per conoscere le idee dell'amministrazione milanese.

Infine, ieri domenica 7 aprile, al centro culturale San Fedele, hanno suoanto i ragazzi che, ormai da anni, partecipano al progetto "Sulla strada della musica" portato avanti dalla Casa insieme al Conservatorio G. Verdi e, da alcuni mesi, all'associazione IBVA. L'esibizione dei giovani musicisti si è tenuta all'interno di una più ampia serata dedicata alla Giornata internazione dei rom e dei sinti, di cui è possibile trovare il programma completo sul sito di "Aggiornamenti sociali".

 

Notizie PERSONE

  1. 19/01/19 | Raccolta straordinaria di indumenti invernali

    Sabato 19 gennaio dalle 9 alle 18, i volontari del guardaroba vi aspettano in via Brambilla 

     
  2. 04/01/19 | Don Colmegna: continueremo ad agire secondo il principio "Prima le persone"

    Una riflessione del nostro presidente nel dibattito nato dall'intenzione di alcuni sindaci di sospendere parti del decreto sicurezza

     
  3. 03/01/19 | Aprite i porti per Sea Watch e Sea Eye, sono in gioco le vite di 49 esseri umani

    Inaccettabile lasciare in balia delle onde le persone salvate dalle due ONG, cui non viene concesso un porto sicuro

     
  4. 18/12/18 | Natale: un momento intenso di gioia e condivisione

    Il messaggio di don Colmegna per il 25 dicembre e il calendario delle iniziative fino al 6 gennaio 2019. LEGGI L'OMELIA DELLA NOTTE DI NATALE

     
leggi tutte le notizie

 
 

Il presidente della fondazione

Iniziative di spiritualità

La nostra newsletter

 
Torna ad inizio pagina